San Giorgio, Donatella Alberoni: «Continuerò il lavoro fatto»

Candidata dell’unica lista, la vice sindaco si impegnerà «anche per quel 35% che non mi ha votato. Penso a un assessorato alla partecipazione»

Donatella Alberoni con la sua squadra FOTO PAOLO LABATI

Dopo 10 anni di vita amministrativa è arrivata a ricoprire la carica più alta. Donatella Alberoni, eletta sindaco di San Giorgio con 2.435 voti (i votanti erano 2.995), tutti finiti all’unica lista in lizza. Superato lo scoglio del 50%+1 dei votanti e dei voti validi, Alberoni ha raggiunto l’obiettivo. «E’ stata una campagna elettorale anomala - ha commentato il neo sindaco - perché mancava un competitor. Ma si è trattato, comunque, di una campagna importante, perché bisognava portare i cittadini a votare. E loro lo hanno capito. Ringrazio chi mi ha votato e anche chi ha espresso qualche critica. Comunque, sarò il sindaco anche di chi non mi ha votato».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nove anni da vice sindaco, uno da vice sindaco reggente (ha sostituito il Giancarlo Tagliaferri diventato consigliere regionale) e ora sindaco. Una vita amministrativa che le ha permesso di conoscere bene la macchina del Comune. Tra i primi impegni, Alberoni pensa «a un assessorato alla partecipazione, proprio per lavorare su quel 35% che non mi ha votato. In secondo luogo, ci sarà la continuità amministrativa con ciò che ho fatto fino a sabato scorso. Urbanistica e sociale hanno in cantiere alcuni progetti. Ad esempio, il 29 maggio incontrerò i genitori dei ragazzi che vorranno partecipare al volontariato estivo a San Giorgio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento