Carini trionfa nel Partito democratico, battuti Calza e Botti: «Farò quello che ho promesso»

Non c'è stata storia in casa Pd per l'elezione del consigliere regionale piacentino: è Marco Carini, presidente di Legacoop Piacenza. Distanziati Calza e Botti di quasi 3mila voti. Prende il posto di Nino Beretta a Bologna

marco_carini_reggi
Carini abbraccia il sindaco Reggi questo pomeriggio
I dati certi non ci sono ancora, ma ufficiosamente il nuovo consigliere regionale piacentino del Pd è Marco Carini, fondatore della cooperativa Inacqua e vero outsider di questa tornata elettorale. Secondo i primi riscontri, in città i suoi voti hanno "doppiato" quelli degli altri candidati del Pd, Patrizia Calza e Paolo Botti.  

"UN GRANDE RINGRAZIAMENTO A TUTTI" - Davanti alla sede dei Democratici in viale Risorgimento c'è aria di festa. Carini arriva intorno alle 18 e 30, ad aspettarlo ci sono il sindaco Roberto Reggi e Paola Votto, presidente di Tempi Agenzia, oltre a Paola De Micheli, parlamentare del Pd. Un applauso, e poi un lungo abbraccio con il primo cittadino, che lo ha accompagnato nell'endorsement in queste Regionali. «Sono felicissimo - sono le sue prime parole -, non so nemmeno dove iniziare per ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato in questa campagna. Grazie, grazie a tutti».

"ROBERTO E' STATO PREZIOSO" - «A Bologna - continua il presidente di Legacoop Piacenza - farò quello che ho promesso in campagna elettorale, con la massima attenzione per le fasce più debolo della popolazione». La presenza del sindaco Reggi è stato lo scatto decisivo per questa elezione? «La sua presenza è stata di grande importanza - risponde -, tra noi c'è reciproca stima e fiducia. I suoi consigli sono stati preziosi». Infine, un pensiero per gli avversari, Botti e Calza: «Ho un grande rispetto per loro, non posso che dire: bravi, è stata una bella competizione».

».
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Augusta
    Augusta

    Bravo Marco ! Ha vinto uno di noi, ha vinto il merito di saper fare e non la politica fine a se stessa. E' una svolta importante per il PD a Piacenza, finalmente diamo spazio al valore personale di chi tutti i giorni lavora e si impegna per la collettività, prima ancora che in politica. In sintesi, uno credibile, concreto che ha fatto una campagna elettorale leale nei confronti degli altri candidati, che ha vinto senza promettere cose impossibili a chiunque e senza mettere in mostra le cose non ancora realizzate vantando meriti inesistenti. Speriamo che sia finita l'epoca in cui il popolo del PD diceva : Il re è nudo! e i dirigenti  e i loro proseliti affermavano che era vestito regalmente.  Con l'elezione di Marco  si è detto basta candidati costruiti a tavolino e senza storia imposti alla gente e basta a una dirigenza che non ci rappresenta. Buon lavoro Marco !

    • Avatar anonimo di Pierina
      Pierina

      Si buon lavoro! :-)

    • Avatar anonimo di Massimo
      Massimo

      Pur stando dall'altra parte concordo con augusta

      • Avatar anonimo di Fabrizio
        Fabrizio

        Anch'io ho votato la persona che conosco da oltre 30 anni e pur non avevndo mai votato a sinistra da 40 anni, ho preferito consegnare a Marco la mia fiducia che sono certo non verrà delusa.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Figlio di nove anni disabile e positivo alla cocaina, padre condannato a 8 mesi

  • Cronaca

    Omicidio Pierini, madre e figlio si accusano a vicenda

  • Cronaca

    Va a pranzo dagli amici dei genitori e ruba una playstation, 14enne denunciato

  • Cronaca

    Grazie ad Anpas l’ex scuola di Roncaglia ha uno spazio “Gioco-Sport”

I più letti della settimana

  • «Mi hanno offerto poltrone ma mi candido lo stesso, sono un uomo libero»

  • «Nuova area logistica, disoccupati non illudetevi: arriva lavoro di bassa qualifica e precario»

  • «La sinistra ha portato il degrado in città. A Piacenza serve aria fresca in tutti i sensi»

  • In cento con Rizzi alla scuola Sant'Eufemia per scrivere il programma 

  • Profughi, Confedilizia: «I primi responsabili dell'invasione sono i comuni»

  • «Trespidi deve tanto a quei partiti che oggi critica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento