Papamarenghi: «Nuove risorse per la sicurezza, il decoro delle città e il reintegro sociale»

Ci accorgiamo, in maggior modo in questi periodi, di quanto sia essenziale e prioritario il tema della sicurezza. Nonostante questa consapevolezza è sempre più insistente il tema della mancanza di risorse per le forze dell’ordine: lo dimostrano, anche sul nostro territorio, la denuncia dei vigili del fuoco, che hanno lamentato la mancanza di fondi per l’acquisto dei carburanti, e quella dei sindacati di polizia, che hanno dovuto chiedere aiuto alla stampa per portare l’attenzione sulla mancanza delle minime condizioni igienico sanitarie in alcuni locali della questura dove gli agenti sono costretti a passare parecchi ore al giorno. «Tutto questo è inaccettabile». Non usa mezze parole per definire la situazione il sindaco di Lugagnano Jonathan Papamarenghi, candidato alla Camera nelle liste del Pdl.

«Il potenziamento delle forze dell’ordine, assicurando il massimo sostegno sia economico sia logistico, è uno dei punti principali del nostro programma di governo – spiega Papamarenghi, aggiungendo che - nei prossimi cinque anni ammoderneremo profondamente il comparto delle forze dell’ordine». Non si tratta, insomma, della semplice intenzione di investire risorse, ma di investirle in maniera mirata per dare agli agenti che vigilano sulle nostre strade il supporto di un alleato infallibile: la tecnologia. Secondo Papamarenghi è inoltre necessario distinguere il lavoro degli appartenenti ai corpi di polizia da quello degli altri dipendenti pubblici, soprattutto in considerazione della grande esposizione al rischio che caratterizza il lavoro degli agenti chiamati al contrasto alla criminalità e alla tutela dell’ordine pubblico. Proprio per la crucialità del ruolo delle forze di polizia, il sindaco di Lugagnano propone la limitazione del blocco del turn-over, che, «nella misura in cui è stato previsto dalla “spending-review”, rischia di limitare la funzionalità dei comparti e la sicurezza dei cittadini». «Il programma del Pdl – aggiunge Papamarenghi – prevede un potenziamento delle forze dell’ordine, con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro finalizzati alla tutela dei cittadini e,in particolare, delle mura domestiche, che sempre più spesso vengono violate arrecando danno e causando paure e insicurezze».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Altra risposta concreta necessità di sicurezza sempre crescente è, in base al programma del Pdl, la maggiore interazione tra enti di vario livello che saranno chiamati alla stipula di “patti territoriali per la sicurezza”, che saranno integrati da programmi di prevenzione che vedranno coinvolte tutte le forze di polizia. A completare il pacchetto sicurezza, spiega Papamarenghi, ci sono il rafforzamento degli accordi bilaterali fra stati per l’attuazione di politiche di rimpatrio effettivo degli immigrati clandestini, la definizione di accordi bilaterali per far scontare la pena detentiva nei paesi d’origine e un maggiore impegno dello Stato sul fronte del reintegro sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento