Forza Italia: «26 gennaio occasione per raggiungere risultato storico in Emilia Romagna»

Il gruppo di Fiorenzuola si è riunito nei giorni scorsi per presentare il nuovo coordinatore provinciale e fare il punto in vista delle Regionali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Si è tenuta nei giorni scorsi la consueta cena del gruppo di Forza Italia Fiorenzuola di fine anno: una serata piacevole che ha visto un'alta adesione di partecipanti. Oltre agli iscritti e simpatizzanti del capoluogo della Valdarda, erano presenti diverse persone del partito provenienti dai comuni vicini: Giuseppe Papa, vice sindaco e coordinatore comunale di Monticelli d'Ongina, Giovanni Podestà e Pamela Negri (quest'ultima consigliera e coordinatrice locale) da Caorso; da Cortemaggiore il vicesindaco, e coordinatrice comunale, Alice Marcotti e l'assessore, nonché consigliere provinciale, Maria Rosa Zilli. Presenti anche Patrizio Losi, presidente Acer Piacenza, Piccoli Gabriele da Carpaneto e Botti Fabio da Roveleto.

La serata è stata l'occasione per la presentazione ufficiale del nuovo commissario provinciale di Forza Italia Gabriele Girometta, anche sindaco di Cortemaggiore, che ha accettato di buon grado l'invito degli organizzatori. Diversi gli interventi che si sono succeduti, a riprova della volontà di continuare a diffondere gli ideali del partito e di mantenere un forte legame con le persone del territorio. Paola Pizzelli, vicesindaco di Fiorenzuola e organizzatrice dell'evento insieme al coordinatore locale Daniele Razza, ha voluto ribadire alcuni temi cari al partito di Silvio Berlusconi: “Una politica da sempre al fianco delle imprese, degli artigiani e dei professionisti e che tutela il made in Italy e che ritiene importante uscire dall'isolamento attuale per avere un peso politico rilevante in Europa”.

Giuseppe Papa ha voluto ricambiare la “gratitudine del partito per l'impego elettorale alle scorse europee”, sottolineando che “anche il gruppo fiorenzuolano ha attivamente collaborato durante la sua campagna elettorale ed ha ricordato e ringraziato tutti coloro che si sono spesi con impegno, sacrificio e dedizione, compreso l'ex commissario provinciale Jonathan Papamarenghi”. “La passione per la politica - ha concluso il coordinatore comunale di Monticelli - è la reale spinta a fare bene, valorizzando il contributo di ognuno nell'ambito delle proprie possibilità a favore dell'impegno che ci si assume anche con spirito di squadra, che ha apprezzato per il reale e spontaneo coinvolgimento che non dovrebbe mai mancare”.

Per il neo commissario provinciale Gabriele Girometta “Forza Italia deve tornare alle sue origini in cui la classe media non si riconosceva nei partiti presenti in quel periodo e che, nonostante pochi avessero esperienza politica, divennero la base del nuovo partito moderato e liberale e che quindi si compose di lavoratori autonomi, professionisti, pensionati e da tutti coloro che portavano le vere istanze e necessità della popolazione. Oggi c'è ancora Silvio Berlusconi come leader carismatico ma è la base che deve impegnarsi per riportare al centro questi problemi che rappresentano i cittadini: per questo motivo  il mio compito sarà di stimolo e di coordinamento per tutti coloro che sposeranno questo progetto. Le elezioni regionali sono alle porte: Forza Italia deve portare il proprio contributo di persone e idee all'interno di un centrodestra che sta facendo numeri importanti ed è in contrapposizione ad un centrosinistra che, insieme ai cinquestelle, non sta', a livello politico nazionale, dare le risposte che gli italiani si aspettano”.

Esprime grande soddisfazione per la serata Daniele Razza, coordinatore locale degli azzurri: “Domenica 26 Gennaio si gioca una partita importante: le elezioni regionali sono un appuntamento che si ripete ogni cinque anni e questa può essere l'occasione per raggiungere un traguardo storico: come avvenuto a Fiorenzuola ormai oltre 3 anni fa', bisogna far capire a tutti gli abitanti della regione che è necessario il cambiamento, per dare un'opportunità al centrodestra che, sondaggi alla mano, ha una larga maggioranza, di poter governare nella regione Emilia Romagna. Una serata come questa, che mi auguro diventi un appuntamento fisso, rappresenta quella che la politica deve rappresentare: niente slogan o frasi fatte da urlare in una piazza ma uno scambio di idee, di problemi, di suggerimenti e di proposte che devono concretizzarsi nell'ambito politico e amministrativo a tutti i livelli, dal locale al nazionale. Nella convinzione che in questo modo la gente si avvicina al vero e più nobile scopo della politica, che è quella di rappresentare il popolo in tutte le sue forme e in tutte le sue inclinazioni”.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento