«Forza Italia Giovani chiede il ritorno alla normalità nelle scuole superiori»

L'intervento del commissario provinciale di Forza Italia, Gabriele Girometta, sulla situazione attuale della scuola

«In questo periodo di Covid-19 all'interno dei nostri istituti – interviene il commissario provinciale di Forza Italia, Gabriele Girometta - messi a dura prova e non pronti a questo genere di emergenze, noi mettiamo a disposizione proposte valide e costruttive. La scuola non si può fermare e deve tornare a dare un senso di normalità agli studenti. Ci prendiamo la responsabilità di dar voce ai nostri rappresentanti delle Consulte studentesche, che chiedono:

1. L'annullamento delle giornate di recupero debiti del primo quadrimestre: riteniamo che ad oggi sia importante continuare il programma e terminarlo dove è possibile.

2. Promozione o bocciatura in base ai risultati del secondo quadrimestre, lasciando agli insegnanti la decisione di come gestire eventuali insufficienze derivate dal primo o dal secondo semestre.

3. Ritorno agli orari scolastici previsti dalla legge prima del coronavirus per lezioni, verifiche e interrogazioni: in numerosi ci segnalano che spesso si prolungano fino al tardo pomeriggio.

4. Pausa di 10 minuti fra una lezione e quella seguente: anche se da casa, gli studenti stanno facendo il loro dovere e brevi pause aiutano la concentrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

5. Chiarezza sull'esame di maturità: nonostante le difficoltà, bisogna dare indicazioni più chiare per lo svolgimento della prova più importante del loro percorso scolastico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento