Forza Italia: «I quattro miliardi annunciati erano già previsti da mesi nei bilanci comunali»

Minari e Marcotti

Forza Italia Piacenza ritiene l'ultimo discorso del presidente Conte "fuorviante e demagogico". Dopo confronto interno del partito forzista a seguito delle dichiarazioni del presidente del Consiglio la posizione è unitaria e univoca: nel contesto in cui viviamo ogni giorno, approfittando dello stato di necessità delle persone, sono state date informazioni subdole e imprecise che si traducono in demagogia sulla pelle delle persone. Non le mandano a dire i vertici provinciali del partito guidato da Gabriele Girometta: su questo argomento ad esprimersi sono gli assessori comunali 'azzurri' con delega al bilancio Marcello Minari di Fiorenzuola e Alice Marcotti di Cortemaggiore e la civica Donatella Amici di Cadeo.

“I cittadini devono sapere che i 4 miliardi annunciati erano tutti già previsti da mesi sui bilanci dei comuni, l’unica novità è che una parte arriva circa un mese e mezzo prima del previsto. E’ positivo per la liquidità degli enti, ma non aggiunge nessun potere di spesa: va invece spiegato che sono soldi dei comuni già inseriti a copertura delle spese di bilancio. Se lo stato ci costringerà a convogliare quelle somme per spese straordinarie verranno a mancare gli equilibri di bilancio.” “Per quanto riguarda poi il 'soccorso alimentare' 400 milioni sono comunque pochi e generano inutili aspettative di aiuti. Per fare un esempio pratico, a Fiorenzuola spetteranno circa 81.000 € e ci sono 5000 nuclei familiari. Il governo non capisce che qui non si tratta di aiutare una cinquantina di nuclei familiari in difficoltà, ma molti di più. Il problema non è limitato a quei nuclei già seguiti dai servizi sociali, ma è su larga scala e colpisce anche fasce di reddito più alte che proprio per questo non riescono ad accedere ad altre forme di sostegno: questo porterà nuclei ad oggi non conosciuti ad accedere al sevizio con la relativa istruttoria e di conseguenza, soprattutto nei piccoli comuni, si allungheranno le tempistiche di erogazione del contributo. A questa esiguità di denaro rispetto alle reali esigenze del territorio si deve sommare la difficoltà oggettiva di gestione in cui gli enti si trovano: i servizi sociali sono subissati di richieste, spesso con personale ridotto al minimo, e dovrebbero gestire queste ulteriori attribuzioni dovendo cercare di trovare un sistema equo e efficace. Nessun sindaco o amministratore locale merita questo trattamento e i nostri cittadini non meritano di essere presi in giro da vere e proprie operazioni di marketing senza reale contenuto”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A tutto questo bisogna aggiungere la non chiarezza su alcuni aspetti di questa delicatissima situazione e, ancor peggio, non aver pensato a dettagli importanti: in primo luogo, i comuni non hanno accesso a tutte le informazioni riguardanti le persone ed è quindi impossibile essere certi che non percepiscano altri aiuti pubblici e soprattutto la tempistica non è chiara né stabilita". Concludono gli amministratori: "Siamo tutti amareggiati perché nonostante gli sforzi che stiamo facendo rischiamo di rimanere sotto a una situazione che subiamo per colpa di uno stato non in grado di dare risposte.
Non ci fermeremo però alle critiche ma com’è nel dna degli amministratori di Forza Italia ci rimboccheremo le maniche e faremo tutto ciò che potremo per aiutare i nostri Cittadini e troveremo comunque il modo di stare vicino alla nostra gente."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento