Forza Nuova: «Piacenza è sempre più insicura»

Matteo Cordani: «A Piacenza vi sono una decina di ipotetici profughi, scappati alle forze dell'ordine, che si traducono in un costo economico, sociale, sanitario e sul piano della sicurezza per i residenti»

(Repertorio)

«Succede nei pressi del casello di Piacenza Sud, la scorsa notte, dove una ventina di iraniani probabilmente scaricati da un tir, hanno costeggiato a  piedi il tratto autostradale. All'intervento delle volanti,  sette persone vengono soccorse mentre le  altre si sono dileguate». Lo afferma in una nota Matteo Cordani, coordinatore provinciale di Forza Nuova Piacenza: «Stiamo assistendo a ripetuti casi di allarme, oggi più che mai con una decina di clandestini di cui non se ne conosce l'identità, scappati a piedi nei campi del hinterland piacentino».

«Perché di clandestini si parla - continua Cordani - se fossero stati profughi non sarebbero entrati nascosti dentro un tir ma avrebbero seguito l'iter previsto dal Cpsa. In questi centri i migranti appena arrivati,  oltre ai primi controlli sanitari, vengono fotosegnalati».

«Un caso analogo era già accaduto a Fiorenzuola circa un mese fa e sappiamo benissimo che lo stato di richiedente asilo comporta il diritto di potere impugnare gli eventuali dinieghi della Commissione Territoriale che decide sulla domanda davanti ai Tribunali e Corti d'Appello competenti quindi» evidenzia Cordani. «Fino all'ultimo grado di giudizio, il richiedente non perde questo suo stato».

«Per quanto riguarda l'ordine di espulsione scattato per i sette clandestini fermati il clandestino per poter essere espulso  ha bisogno del passaporto o di un documento di identità equipollente e, nell'attesa di ottenerlo, viene sistemato nel centro di identificazione. Un processo difficile e spesso impossibile, con termini di legge che durano anche  fino a 90 giorni».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Fermo restando che oggi la clandestinità non è più un reato ma certamente viola una regola - attacca nella nota - sappiamo che da ieri attorno a Piacenza vi sono una decina di ipotetici profughi, scappati alle forze dell'ordine, che si traducono in un costo economico, sociale, sanitario e sul piano della sicurezza per i residenti. Quello che è peggio - conclude - è che tutto questo avviene a prescindere dall'impatto sui piacentini e con una sola pattuglia ogni 40.000 abitanti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • Travolta da un'auto mentre attraversa la strada in bici, muore una donna

  • Si ribaltano nel campo dopo la nottata in discoteca, illesi cinque giovani

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

  • Maltempo in arrivo sul Piacentino, allerta per temporali e frane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento