Funzione pubblica, Cgil-Cisl-Uil: «Basta attaccare i lavoratori del Comune»

I sindacati difendono dirigenti e lavoratori dell’ente dagli attacchi della Giunta Barbieri: «Sono diventati le vittime sacrificali»

I sindacati Cgil, Cisl e Uil non ci stanno a rimanere in silenzio dopo l'ennesimo attacco della maggioranza di centrodestra ai dirigenti e uffici tecnici del Comune di Piacenza. L'ultima polemica è nata dal caos sulla gestione del verde pubblico. Forze di maggioranza come Fratelli d'Italia hanno puntato il dito, più che sull'operato dell'assessore all'ambiente e al verde Paolo Mancioppi, su alcune figure interne al Comune. Ora arriva la pronta difesa di Cgil, Cisl e Uil funzione pubblica. «Non passa giorno senza che un qualsiasi accadimento legato all'amministrazione della città diventi motivo da parte di alcune forze politiche per attaccare sindaco e Giunta, scaricando le responsabilità non più (o non solo) su un'altra parte politica e le sue scelte, ma sulla "macchina comunale", ossia sui dipendenti, accusati non più solo di inefficienza (ormai anche il Brunettismo è antiquato) ma addirittura di infedeltà (siamo nell'era Bongiorno, in fondo). E chi si difende non è meglio di chi accusa, visto che il facile capro espiatorio fa comodo a tutti. È un gioco che ci ha stancato! Che i lavoratori del comune, dirigenti e non dirigenti, siano diventati le vittime sacrificali di chi non si assume nemmeno le proprie responsabilità di divergenza politica, somiglia molto (con le dovute e rispettose differenze, ma per rendere comprensibile il pensiero) a quei genitori separati che mettono di mezzo i figli perché non sanno gestire i propri conflitti.

Come Organizzazioni Sindacali stiamo vivendo la delicata transizione a un nuovo modello di gestione dell'ente, meno "settoriale" e più tendente al lavoro di squadra, in cui sono indispensabili la competenza e lo spirito di servizio e collaborazione di tutti i livelli, dai dirigenti al comparto. Ci sono diversi problemi da affrontare e risolvere mantenendo il dovuto equilibrio tra esigenze di innovazione, le peculiarità dell'ente e i diritti dei lavoratori, tra scelte politiche non sempre condivisibili e sforzi per mantenere elevati i livelli di relazioni sindacali, convinti che sia la strada migliore per raggiungere risultati positivi per tutti, senza creare conflitti tra le esigenze dei cittadini e i diritti di chi lavora. Questi continui attacchi che troppo spesso mirano a un obiettivo distorto non sono certo di aiuto! Auspichiamo che tutte le parti politiche tornino ad esercitare il proprio ruolo, gestendo in maniera costruttiva le proprie differenze di vedute sulla città, e contenendo nel dovuto ambito le conflittualità partitiche, nel rispetto del valore della funzione svolta dall'ente Comune nell'erogare servizi e soprattutto nel rispetto della dignità di chi, nonostante cambiamenti, stravolgimenti e difficoltà varie, continua a lavorare per il bene comune».

Melissa Toscani, Funzione pubblica Cgil

Rosella Piatti, Funzione pubblica Cisl

Gianmaria Pighi, Funzione pubblica Uil

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ma quale gigante buono? Quale raptus? Basta superficialità sui femminicidi»

  • La sorella di Elisa scrive a Massimo Sebastiani: «Piangi? Ormai sei il mio incubo»

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • Per alcune notti Massimo ha vegliato Elisa nel bosco e ha dormito accanto al suo corpo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento