I pendolari a confronto con Tarasconi (Pd) sulla mobilità

La candidata del Partito Democratico e consigliera uscente ha fatto il punto della situazione con l'associazione dei Pendolari

Nella giornata di ieri, venerdì 17 gennaio, l’Associazione Pendolari Piacenza ha incontrato, presso la sede di Piazzale Marconi, il consigliere regionale del Pd Katia Tarasconi candidata alle imminenti elezioni. «Ricordiamo come Katia Tarasconi – informa l’associazione Pendolari - nell'ultima legislatura regionale, abbia avuto un ruolo determinante nell'ottenere lo storico risultato di portare l’alta velocità a Piacenza a servizio dei pendolari includendo l'utilizzo dei treni FrecciaArgento con la convenzione MiMuovo. Una conquista che ha permesso ai pendolari piacentini di avere la possibilità teorica di raggiungere Milano in 30 minuti. Nel corso dell’incontro l’Associazione ha fatto presente la centralità che deve avere il tema della mobilità nell’azione politica di chi governerà la Regione nei prossimi anni. In questo senso l’Associazione Pendolari Piacenza ribadisce la propria volontà di rivestire il ruolo di interlocutore costruttivo e indipendente in continuità con la linea del dialogo verso le istituzioni, avviata un paio di anni fa».

«Nello specifico si è partiti dall’analizzare cosa oggi è stato ottenuto di positivo oltre all’alta velocità a Piacenza, il rinnovo del materiale rotabile con l’introduzione dei treni Rock sulle linee regionali, la convenzione per l’utilizzo gratuito del trasporto pubblico locale per i possessori di abbonamento ferroviario. Il consigliere regionale Katia Tarasconi ci ha poi dato una notizia di cui non eravamo a conoscenza: nell'ultimo mese è stato compreso anche il titolo di viaggio emesso dalla Regione Lombardia, Io Viaggio Ovunque Lombardia Piacenza-Milano, tra quelli aventi diritto alla Convenzione MiMuovo per l'utilizzo gratuito dei mezzi pubblici a Piacenza. Una notizia di cui ovviamente siamo lieti visto che chiedevamo da tempo tale adeguamento. L’attenzione è stata poi portata su cosa sarà compito della prossima amministrazione regionale, qualsiasi sia il colore politico, portare avanti».  In questo senso l’osservatorio privilegiato di chi vive quotidianamente il disagio dei pendolari ha evidenziato una serie di punti di attenzione, un decalogo per la precisione:

  1. rendere strutturale, a condizioni tariffarie ragionevoli, la convenzione MiMuovo per l’utilizzo dei treni FrecciaArgento evitando l’antipatica situazione di trovarsi ogni 6 mesi con la minaccia che questi treni non vengano più resi fruibili;
  2. migliorare il servizio dei treni Freccia Argento che, con il nuovo orario uscito a dicembre, nella tratta Parma – Milano dopo le 14 saltano sempre la stazione di Piacenza arrecando un grave disagio ai pendolari che lavorano a Parma (si potrebbe quantomeno metterne uno/due che fermano a Piacenza nelle fasce orarie utilizzate dai pendolari es. dopo le 18);
  3. porre rimedio ai problemi di capienza dei treni Rock in alcune tratte, giorni e fasce orarie (ad esempio valutando la possibilità di “accoppiare” due treni);
  4. rendere più efficace e proficuo il dialogo interregionale con la Lombardia istituendo dei tavoli tecnici a cui possano partecipare anche le associazioni pendolari con un’attenzione speciale per i territori di confine come Piacenza; 
  5. istituire un osservatorio indipendente sui ritardi in grado di fare maggiore chiarezza sulle cause dei continui disservizi;
  6. mantenere la convenzione MiMuovo per l’utilizzo gratuito del traporto pubblico locale da parte dei titolari di abbonamento ferroviario.
  7. Migliorare i collegamenti con il Nord Ovest (assurdo 2 soli collegamenti diretti Piacenza – Genova e 2 Piacenza – Torino)
  8. Creare un sistema di linee suburbane (modello Trenord) per collegare Piacenza con i comuni della Provincia sfruttando la rete esistente (penso a una linea Castel San Giovanni – Piacenza con fermate intermedie Sarmato, Rottofreno, San Nicolò e una linea Fiorenzuola – Piacenza con fermate intermedie Pontenure, Cadeo)
  9. Ripristinare il collegamento ferroviario Piacenza - Cremona
  10. Creare un corridoio ferroviario di collegamento diretto con il nord est (via Cremona e Brescia) evitando di passare per Milano o Bologna per arrivare a Verona o Venezia o raggiungere il Brennero.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • Con l'auto d'epoca contro un palo della luce

Torna su
IlPiacenza è in caricamento