«Il ministro intervenga per portare un medico a Farini»

Interrogazione di Murelli (Lega) al dicastero della Salute: «Assistenza garantita solo con la presenza costante del personale. Il servizio è depotenziato, a rimetterci sono i cittadini»

«Ho chiesto al ministro della Salute, Giulia Grillo, come intenda risolvere la mancanza di un medico del 118 a Farini. I livelli essenziali di assistenza possono essere garantiti solo dalla presenza costante di personale medico presso le postazioni di emergenza sanitaria del 118, specialmente in montagna, inclusa quella di Farini». E’ la domanda che la deputata della Lega, Elena Murelli, ha posto al ministro in una interrogazione presentata il 19 luglio. Dalla fine di febbraio 2018 «il servizio di assistenza medica h24 è stato inspiegabilmente sospeso». Elena Murelli-14Murelli ripercorre le tappe della vicenda e sottolinea come di notte «ci siano solo un infermiere un autista per garantire le emergenze. Il servizio è depotenziato e a rimetterci sono i cittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Murelli, il ripristino da parte dell'Asl di un medico in estate, e solo nei giorni festivi, non risolve il problema. «Dopo che la Regione ha preso atto di un ordine del giorno, presentato dal nostro consigliere Matteo Rancan, votato dall’Assemblea - rincara Murelli - a tutt’oggi non è stato pubblicato alcun bando per la copertura dei posti vacanti (in particolare, per garantire la turnazione occorrerebbero tre medici)». Infine, la deputata del Carroccio ricorda come «Farini si trovi in Alta Valnure, in un’area che comprende anche Bettola e Ferriere. I comuni montani, com'è noto e come si rileva anche nel decreto del Ministero della salute 2 aprile 2015, n. 70, sono penalizzati rispetto alle altre realtà territoriali a causa della difficoltà di accesso e collegamento viario ai principali presidi ospedalieri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Vince il Covid e torna a casa nel giorno del compleanno del figlio: «Papà, sei un guerriero»

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

Torna su
IlPiacenza è in caricamento