homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Consiglieri M5S: «Doppio incarico? Immorale la doppia remunerazione»

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle: «Anche se in alcuni casi è legale il doppio incarico, riteniamo immorale la doppia remunerazione. Sul sito del Comune sono pubblicati i nomi di coloro che che ricoprono un doppio incarico?»

Mirta Quagliaroli

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle (Mirta Quagliaroli Barbara Tarquini Andrea Gabbiani)  presentano un'interrogazione che riguarda i doppi incarichi. Infatti scrivono: «Premettendo che in alcuni casi sia legale il doppio incarico, riteniamo immorale la doppia remunerazione. Occupare contemporaneamente due cariche, cha magari vanno a sommarsi al lavoro privato, sia una rilevante questione morale. Questa anomalia tutta italiana sembra motivata più da sete di potere e di arricchimento che da un reale spirito di servizio per la cosa pubblica. Questo senza nulla togliere alla professionalità e alla competenza delle persone coinvolte, ma crediamo che non si possano svolgere contemporaneamente più funzioni importanti».

E ancora: «Siccome a breve verranno rinnovati i componenti delle società partecipate dal Comune, questa può essere un'occasione per dare un segnale di moralità, trasparenza e di rispetto per i cittadini. Infatti chiediamo se se vi siano amministratori pubblici che rivestono ruoli dirigenziali  in aziende di cui il Comune è proprietario o partner con quote di partecipazione, se vi siano amministratori dell'ente locale  ex art. 77 del TU che ricoprano doppi incarichi e se siano stati pubblicati sul sito del Comune i nominativi di coloro che ricoprono un doppio incarico».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Figuriamoci se i comunisti a Piacenza daranno il bion esempio almeno loro... " Drin Drin "

  • da quando qualche politico o politicante ha rinunciato a doppi,tripli,quadrupli incarichi rinunciando almeno ai soldini? sono curiosa di vedere se pubblicheranno i nomi. Io sono una vecchia senza più illusioni. Vuoi vedere che il comune mi smentisce?

  • Mi sembra corretto esporli, ma avranno la decenza di rinunciare ad almeno uno degli incarichi?

  • iniziativa ottima! speriamo non svanisca nel nulla

  • forza mirta vacci vedere i nomi di questi immorale (truffaldini) che non la vogliono finire di tenere le mani impasta da per tutto in ogni consiglio d'amministrazione

  • Sono proprio curioso di vedere come va a finire. Sarà la solita pagliacciata politica!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapinatore entra in tabaccheria armato, il titolare lo blocca e lo consegna alla polizia

  • Cronaca

    E’ un piacentino disoccupato e incensurato il rapinatore della tabaccheria

  • Cronaca

    «Mi ha dato delle coltellate. Ma io l’ho preso e non l’ho mollato» [Video]

  • Economia

    Banca di Piacenza, +7,06 per cento di utile. Giuseppe Nenna nuovo presidente del Cda

I più letti della settimana

  • «Troppi minori stranieri da gestire? Quelle di Cugini sono lacrime di coccodrillo»

  • Lega Nord "spaccata", la corsa verso le Comunali minata da lotte intestine

  • «Acer, inquilini morosi per quasi quattro milioni di euro»

  • «A Piacenza tanta insicurezza, non solo nei quartieri degradati. La gente deve potersi difendere»

  • «Cisini pensi a fare cose utili, piuttosto di dare addosso ai cittadini»

  • Incidenti causati da animali, Foti: «Non bastano i cartelli di pericolo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento