«Iren ha un grande valore e non spreme il territorio per fare utili»

In commissione l’audizione di Barbara Zanardi, rappresentante piacentina (in scadenza) nel Cda, incalzata dalle opposizioni: «Le sponsorizzazioni di Iren non sono un “giro di soldi”, ma sostegno al territorio». E Levoni (Liberali) propone di confermarla

L'assessore al bilancio Paolo Passoni e Barbara Zanardi

LEVONI (LIBERALI) PROPONE DI CONFERMARLA

Massimo Trespidi (Liberi) ha provato a incalzare Zanardi, chiedendo il suo parere sui rapporti di forza all’interno della multiutility, riferendosi alla vendita di quote da parte di Torino e l’acquisto da parte di Genova. «Mi astengo - ha risposto la consigliera - dal giudicare le scelte politiche. Sicuramente posso parlare della modifica dello statuto, con l’inserimento di La Spezia, che porterà il Cda da 13 a 15 Barbara Zanardi-3consiglieri (uno da La Spezia e un altro da Genova-Torino). Per Piacenza non cambia nulla, non perdiamo rappresentanza e presidio nella governance. La Spezia con i suoi comuni arriva a 28 milioni di azioni, noi 20, ma abbiamo entrambi un consigliere a testa. Genova è un caso raro, ha comprato 32 milioni di azioni dal mercato, Torino invece ha venduto. La tendenza di vendita (Piacenza le ha messe sul mercato da poco, nda) è generalizzata ovunque, Reggio Emilia ha venduto ne ha appenda vendute 12 milioni».

E il voto maggiorato per i consiglieri pubblici? «Il “voto doppio” ai soci di lungo periodo mette in sicurezza il controllo pubblico della società». Zanardi, scelta dalla Giunta Dosi per ben due volte, sembra andare d’accordo anche con la Giunta Barbieri. «Sono andata a incontrare il sindaco Barbieri - ha spiegato - dopo che è stata eletta, nel 2017. I rapporti in continuità come con Paolo Dosi». Tanto che Antonio Levoni (Liberi) ha definito apprezzabile la scelta del 2013 di Dosi. Fra pochi giorni scadrà il mandato e il Comune di Piacenza dovrà nominare il suo rappresentante. «Serve un confronto sui curricula – ha detto Levoni -, non sulle tessere politiche. Comunque Zanardi potrebbe essere ripresentata». Potrebbe esserci, alla luce delle parole di Levoni, un "Zanardi tris". «Visto che il ruolo di consigliere del Cda scade – ha osservato anche Stefano Cugini (Pd) - il centrodestra s’impegni per promuovere persone di competenza».

Diversi gli interventi critici dell’opposizione. Andrea Pugni (Movimento 5 Stelle) ha puntato il dito contro i compensi di Ad e Cda di Iren: «Zanardi non si sentirà la rappresentante piacentina, ma comunque i componenti del Cda sono frutto di nomine, non certo di competenze specifiche». Ancora Trespidi ha chiesto più rispetto per Piacenza, che paga a Iren 22 milioni di euro all’anno con i soldi dei cittadini, che non sarebbero proprio così tanti soddisfatti dell’operato di Iren. «Si può sempre fare meglio con la cifra che paghiamo: in cinque anni come Comune diamo 110 milioni di euro». Secondo il rappresentante di Liberi è poco apprezzabile il fatto che l’ente paga Iren, poi la società sponsorizza iniziative del Comune. «I piacentini sanno che dietro quest’attività benefica ci sono 22 milioni di euro?».  

«COMPENSI ALTI? SONO PIU’ BASSI DI TUTTE LE ALTRE SOCIETA’»

«Sui compensi – ha replicato Barbara Zanardi - cerco di essere oggettiva: andiamo a fare confronti con quello che prendono società simili. Rispetto ad aziende private siamo sotto del 60%, rispetto a quelle in parte pubbliche come Acea o A2a, siamo comunque sotto. Non mi lamento del mio compenso né parlo di quello degli altri. Sono stipendi a libera interpretazione, di certo siamo morigerati nelle spese. E guardiamo al differenziale tra vertice e operai: quelli di altre aziende sono mostruosi, noi siamo sotto la media». Altro tema minimizzato è quello del debito del gruppo. «Abbiamo fatto tanto, sta scendendo di anno in anno, tanto che un’agenzia di rating ci ha dato la “tripla B”». «Non è che non voglio rispondere ad alcune domande, è che non sono il destinatario. La scelta di Piacenza di vendere le quote è politica, quindi per parlarne dovrei dare “giudizi politici”. Anche sulle alleanze di Piacenza ho un pensiero mio da cittadino, ma non sono quella che deve portare avanti questi discorsi – dichiara guardando in aula il suo vicino di banco, l’assessore al bilancio e alle società partecipate Paolo Passoni -. Le sponsorizzazioni non sono un “giro di soldi”, sono iniziative di sostegno del territorio. Un modo per essere vicini ai clienti. Per scelta, ad esempio, diamo risorse ai teatri cittadini, scelta che ci consente anche dei bonus fiscali. Non voglio sminuire il dato del Comune di Piacenza, che ci dà 22 milioni: il giro d’affari è di migliaia di milioni di euro, allora dovremmo andare in giro dal mattino alla sera a sentire cosa dicono tutti i clienti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento