La minoranza di Gossolengo: «Sbagliato allargare la strada di Quartazzola»

I consiglieri d’opposizione contestano le linee di mandato della Giunta Balestrieri: «Molto generiche e poco incisive. Penalizzate le frazioni di Quarto, Settima e Caratta. Serve un medico di famiglia a Quarto»

foto di repertorio

Nell’ultimo Consiglio comunale del 20 settembre scorso, il sindaco di Gossolengo Andrea Balestrieri ha presentato le linee del mandato amministrativo 2019–2024. «Nel complesso – commenta il gruppo consiliare di “Insieme per Gossolengo” - ci sono sembrate poco incisive, molto generiche, con varie problematiche citate come nuove, che nei fatti vengono già portate avanti da anni dalla Amministrazione Comunale di Gossolengo. Inoltre si sottolinea che alcuni punti, sono stati estrapolati dal nostro programma elettorale, in quanto degli stessi punti non vi era traccia nel programma elettorale della attuale maggioranza, ed inoltre una serie di opere già pianificate nel precedente mandato, che vedranno luce nel prossimo periodo, sono appena accennate, come se fossero da considerare in modo minimale, in quanto iniziate dalla vecchia maggioranza, nonostante siano importanti per il paese».

«Innanzitutto – proseguono i consiglieri Silvia Arfini, Marta Boledi, Angelo Ghillani, Massimo Sartori - un intervento che ci appare profondamente sbagliato riguarda l’allargamento della strada di Quartazzola, verso la tangenziale di Piacenza, in quanto porterebbe volumi di traffico decisamente superiori a quelli attuali in piazza a Gossolengo, poiché diventerebbe l’arteria migliore di collegamento tra la tangenziale e la Statale 45, a sud di Piacenza. Sempre in tema di viabilità, ci sembrano fortemente penalizzate le frazioni Quarto, Settima e Caratta, in quanto nelle linee di mandato non sono presenti interventi a cui la precedente Amministrazione aveva iniziato a lavorare quali: intersezione tra la SS45 e Via Duomo a Settima, da vedere con Anas; nuova intersezione a Quarto tra SS45 e Strada Regina, in collaborazione con il Comune di Piacenza ed Anas; costruzione di un parcheggio a Caratta in collaborazione con esercizio commerciale esistente».

«A Gossolengo, nell’ambito di una diversa conformazione dell’accesso al distributore di carburante esistente, occorre riprendere alcuni studi di fattibilità, già fatti dalla provincia per l’accesso di Via XXV Aprile e la strada della Mattiola, in collaborazione con tutti i soggetti portatori di interesse oltre al Comune: Provincia ed esercizi commerciali. La rotonda in località Partitore alla intersezione con Via Matteotti, già inserita nel programma di opere pubbliche 2020 della Provincia di Piacenza, sempre grazie alla precedente Amministrazione, risolverebbe infine anche l’accesso alla stazione ecologica esistente. Inoltre nelle linee di mandato, non vengono presi in considerazione importanti interventi quali la mappatura dei tetti in eternit su tutto il Comune e la possibilità di cooperazione tra Ente Parco ed eventuali soggetti privati per valorizzare l’area della Rossia. Infine a nostro avviso occorre insistere con Ausl affinché riproponga un bando per avere finalmente il medico di famiglia a Quarto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento