La riconversione dell’attuale ospedale: le possibili destinazioni

Vincolati i corpi più antichi, il polichirurgico si può utilizzare in parte per servizi sanitari o abbattere, ma impossibile da alienare

Lo studio di pre-fattibilità redatto da Ausl di Piacenza e consegnato alla Regione Emilia-Romagna e al Comune di Piacenza ha preso in considerazione anche la possibile destinazione e riconversione dell’attuale ospedale cittadino. Sull’area – già oggetto di un concorso di idee promosso da Confindustria Piacenza – pesano però alcuni vincoli. I due corpi più antichi (l’ex monastero Olivetano e Santa Maria della Campagna) sono completamente vincolati per volumi e spazi, e «non potranno che essere oggetto di una progettazione congiunta con il Comune per una destinazione museale o analoga». Esistono poi delle aree parzialmente vincolate (solo per volume), e cioè l’attuale sede della direzione generale dell’Ausl, il laboratorio analisi, il padiglione della Neurologia, il padiglione delle medicine e il corpo 4: «anche per queste aree sarò opportuna una progettazione congiunta con il Comune per una riconversione residenziale di pregio o commerciale». Tra le aree non vincolate risultano l’attuale sede di villa Speranza e il blocco che include la camera mortuaria che «potranno essere oggetto di una riconversione residenziale di pregio o commerciale, sempre congiuntamente con il Comune».

Infine, il Polichirurgico, è anch’esso tra le aree non vincolate. L’Ausl, nel documento, ipotizza anche due possibilità di riconversione proprio per questo importante immobile. Una parte potrebbe essere utilizzata per ospitare servizi sanitari, socio-sanitari e sociali. Oppure abbatterlo e liberare il territorio urbanizzato. La riconversione dell’immobile per fini residenziali o attività commerciali – è la considerazione che si legge nel documento -, «non è tra le ipotesi poiché le caratteristiche strutturali del polichirurgico richiederebbero un investimento per la riconversione tale da rendere la successiva alienazione non economica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus, negativo ai test il manager di Fiorenzuola. Sospetto caso per una donna, infermiere in isolamento

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento