Le associazioni di categoria temono un aumento della Tari: «Piacenza è forse uscita dall’Europa?»

Inviata al sindaco Dosi una lettera: «Siamo preoccupati, il Comune non pensi di chiudere i buchi di bilancio aumentando la Tari. Vogliamo pagare il giusto»

Il sindaco Paolo Dosi

Le categorie e associazioni economiche di Piacenza prendono carta e penna e scrivono preoccupate al sindaco di Piacenza Paolo Dosi. «Apprendiamo dalla stampa che al Comune di Piacenza mancherebbero 1,85 milioni di euro per “far quadrare” il bilancio di previsione 2017. Ne siamo preoccupati come cittadini e, ancor più, come rappresentanti delle categorie economiche, dal momento che temiamo si confermi quella che sta diventando, negli anni, una pessima consuetudine: se c’è un buco nel bilancio lo chiudiamo aumentando la Tari, soprattutto quella delle imprese.

In queste settimane tutti i nostri iscritti, che hanno ricevuto gli avvisi di pagamento della tassa rifiuti appesantiti  dell’8% rispetto al 2015, ci manifestano la nitida percezione di essere pesantemente vessati (anche) da questa tassa: percezione più che fondata, dal momento che gli aumenti, costanti, di questi ultimi anni, si traducono in percentuali da tasso di inflazione degli anni ’80.

In pratica la quantificazione della Tari non ha nulla a che vedere con l’effettiva produzione dei rifiuti: le nostre aziende smaltiscono in proprio i rifiuti speciali, differenziano, ne riducono la produzione (quando cala il lavoro, purtroppo, fenomeno molto diffuso, calano anche le quantità di rifiuti): tutto questo non scalfisce minimamente i criteri di formazione della Tari.

Piacenza è forse uscita dall’Unione Europea? La domanda non è retorica, dal momento che proprio in sede comunitaria è stato definito il principio fondante di qualsiasi forma di tassazione o tariffazione sulla raccolta e lo smaltimento dei rifiuti: “chi inquina paga”.

Nel frattempo leggiamo, nella Delibera del Consiglio Comunale con cui si sono approvate le tariffe Tari 2016, che la loro quantificazione comprende, tra l’altro, i costi per l’attività di controllo e accertamento per i mancati pagamenti e le utenze non dichiarate e quelli per gli insoluti!

Se la politica ritiene di potersi permettere di affrontare i problemi con un simile approccio, le imprese, di tutti i settori e di tutte le dimensioni, sono abituate a misurarsi sui fatti, e un fatto è che non possiamo più accettare di farci carico delle debolezze e delle carenze altrui.

Noi abbiamo il dovere di rappresentare le esigenze, le difficoltà, i legittimi interessi del sistema economico che, su questo tema, il Comune non ci ha finora riconosciuto: chiediamo pertanto di essere coinvolti, di poterci confrontare con l’Amministrazione, prima che le decisioni vengano assunte. I nostri iscritti oggi non chiedono di non pagare la Tari, ma di pagare il giusto».

CONFINDUSTRIA PIACENZA

C.N.A. PIACENZA

COLDIRETTI PIACENZA

CONFAGRICOLTURA PIACENZA

CONFARTIGIANATO

CONFCOOPERATIVE

CONFESERCENTI PIACENZA

LEGACOOP PIACENZA

LIBERA ASSOCIAZIONE ARTIGIANI

UNIONE COMMERCIANTI PIACENZA

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Dalla logistica la merce rubata finiva in negozi compiacenti: 14 persone in carcere

Torna su
IlPiacenza è in caricamento