homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Lega: «Gli emiliano romagnoli non devono pagare i debiti folli della Sicilia»

«Gli emiliano romagnoli non devono pagare i debiti folli della Sicilia»: il gruppo Lega Nord in Regione Emilia Romagna scende in campo

“Gli emiliano romagnoli non devono pagare i debiti folli della Sicilia”. Il gruppo Lega Nord in Regione Emilia Romagna scende in campo “per stoppare ogni possibile nuova tassazione che lo Stato potrebbe decidere di introdurre per pagare il deficit siciliano”. I consiglieri del gruppo Mauro Manfredini, Manes Bernardini, Stefano Cavalli e Roberto Corradi hanno presentato una risoluzione per impegnare la giunta “ad attivarsi presso il Governo con ogni mezzo, affinché in caso di default della Regione Sicilia non vengano a livello statale introdotte nuove tassazioni o rincarate quelle già in essere, ribadendo la necessità di alleggerire il peso fiscale per la sopravvivenza dell’economia reale”.

“Siamo indisponibili a pagare sprechi, clientelismo, politiche dissennate e anni di mancata crescita della Sicilia – spiegano i consiglieri –. Chiediamo pertanto che la Regione Emilia Romagna si attivi per tempo per scongiurare ogni rischio di questo tipo. La Lega anche su questo fronte si sta muovendo in modo unito e compatto. Analoghi atti sono stati presentati dai colleghi delle altre Regioni del Nord. Tutti insieme per dire ‘no’ al becero assistenzialismo che per decenni ha drenato risorse dal Settentrione al Sud”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • bhe ricordiamoci anche cio' che abbiam fatto noi per il terremoto dell'irpinia , ricordiamoci che i consiglieri comunali di napoli han rifiutato di devolvere 100 euro del loro stipendio (gettone) ai terremotati modenesi .... mi spiace dirlo per tanta brava gente che vive in quella terra , ma se sto benedetto etna facesse quello che e' nella sua natura , ci toglieremmo dalle tortiglias tanta roba dai 60 maestri di sci , ai 55 camminatori , a 15000 forestali etc. etc.

  • Per i terremotati dell'Emilia non si trova un soldo (non hanno ancora ricevuto UN CENTESIMO), ma ieri 400 milioni per la Sicilia sono saltati fuori subito...

    • Parole sacro e poi anche sante

  • Oh,bella! Quando erano al governo non se ne erano mai accorti.Troppi impegni finanziari personali.Adess vengono fuori con ste balle.Lega,avete chiuso!

  • come cantava qualcuno: parole...parole...parole...sono SOLTANTO PAROLE!!! ma sa l'è nà vìta ca mantignùm mèsa italia...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Viale Dante, accetta un passaggio in auto ma poi viene picchiato e rapinato

  • Cronaca

    La millenaria torre di Selva di Groppallo continua a sfidare i secoli e torna all'antico splendore

  • Eventi

    Quando l'arte diventa amicizia e solidarietà, sconfiggendo i conflitti fra i popoli

  • Cronaca

    Affronta i ladri a mani nude e li mette in fuga

I più letti della settimana

  • L'apertura del bagno di piazza Cavalli costerà quasi 7mila euro al mese

  • «Un bando per i bagni? Ci sono tanti cittadini insolventi che potrebbero dare una mano»

  • «Panchine rotte, tombini aperti e buche pericolose: ecco il Pubblico Passeggio»

  • «Non è una riorganizzazione della sanità, ma un terremoto calato dall’alto»

  • Valnure, fissato il giorno del referendum per le fusioni: è il 16 ottobre

  • Una commissione speciale sull'inquinamento divide il consiglio: la proposta rimane in stand by

Torna su
IlPiacenza è in caricamento