Lega: «Turismo in ginocchio, serve fondo per affitti e azzerare Imu, Tari e Cosap per almeno 3 mesi»

Settore è strategico, vale il 13% del Pil nazionale. Federalberghi: «Solo a Parma sistema alberghiero perde 300 mila euro al giorno»

«La Regione prenda posizione innanzi al governo e si faccia carico delle problematiche che devono affrontare gli operatori del settore del turismo emiliano-romagnolo (hotel, pubblici esercizi, negozi, locali, tour operator), duramente colpiti dall'emergenza “Coronavirus”. Pertanto chiediamo che il governatore Stefano Bonaccini solleciti il governo a creare un fondo straordinario che vada a sostegno del finanziamento dell'intero canone di locazione, per almeno tre mesi. Inoltre è necessario procedere con l'azzeramento di Imu, Tari, Cosap per almeno tre mesi (da imputare a carico dello Stato), così come il blocco del pagamento delle rate relative alle cartelle esattoriali di Agenzia Entrate Riscossione, almeno fino al 31/12/2020; la sospensione dei nuovi studi di settore (Isa)». E' quanto rivendica il gruppo Lega E-R in un'interrogazione nella quale i consiglieri del Carroccio ribadiscono come «i danni conseguenti alla pandemia da Coronavirus siano ingenti e in aumento: si consideri a tal proposito come, secondo Federalberghi, solo il sistema alberghiero parmense stima 300mila euro di perdite al giorno, con previsioni di chiusura del 90% delle strutture».

Del resto l’Emilia - Romagna è una regione ricca di siti di interesse storico e culturale, con molte risorse naturali, un’ottima cucina e una spiccata capacità di valorizzare turisticamente le proprie risorse da Piacenza a Rimini, tanto da renderla un’area ricca di fascino in qualsiasi stagione dell’anno. Il turismo è uno dei principali motori d’Italia e della Regione, rappresenta il 13% del PIL nazionale, ma nel Decreto “Cura Italia” ben poco è stato fatto per questo settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Una situazione davvero drammatica alla luce del fatto che gli operatori del comparto turistico sono, per lo più, lavoratori autonomi, piccoli/medi imprenditori, che non hanno lo stipendio fisso ed i cui incassi, considerata la situazione, verranno a mancare per diversi mesi. Poiché, dunque, attualmente, molti imprenditori del settore si trovano senza liquidità, diventa difficile per loro pagare imposte, tasse, contributi e la sospensione del versamento dei contributi previdenziali e delle ritenute fiscali fino al 30 aprile. Limitarsi al posticipare il versamento per pochi mesi o concedere la rateizzazione delle imposte, non si ritiene, quindi, sufficiente e risolutivo» concludono Matteo Rancan, Lucia Borgonzoni, Fabio Rainieri, Gabriele Delmonte, Stefano Bargi, Daniele Marchetti, Andrea Liverani, Massimiliano Pompignoli, Fabio Bergamini, Maura Catellani, Michele Facci, Matteo Montevecchi, Emiliano Occhi, Valentina Stragliati e Simone Pelloni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

  • Intrappolata nel locale del bancomat, 70enne salvata da Ivri e carabinieri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento