Legambiente: «Basta logistica, porterà traffico e inquinamento a Roncaglia»

Il circolo “Emilio Politi” di Piacenza: «Decisione della Giunta irriguardosa nei confronti dei cittadini che con pale e carriole si sono liberati del fango portato dal Nure nel 2015»

il progetto

Il circolo di Legambiente Piacenza “Emilio Politi” non ci sta alla decisione della Giunta di approvare il progetto di “Piacenza Est” di realizzare un maxi capannone ai Dossi di Roncaglia. «Ancora 190mila metri quadrati di logistica ai Dossi di Roncaglia – spiega in una nota il circolo - fra la Caorsana e l’autostrada A21, che si vanno ad aggiungere ad altri 190.000 metri quadrati di area attrezzata in funzione della logistica a Borgoforte, a due passi del Capitolo. Due frazioni di Piacenza fagocitate da un carico sempre più asfissiante, sia dal punto di vista dell’inquinamento atmosferico che sotto il profilo della pura congestione del traffico e dei camion. A cui si deve aggiungere l’impatto del polo logistico già esistente, più la centrale termoelettrica, l’inceneritore, il cementificio e il traffico delle cave infinite di Ca’Morta e cascina Stanga; una miscela esplosiva che i residenti della zona non sono più disposti ad accettare.  Ma non bisogna commettere l’errore di confinare il problema alle due frazioni perché questo è “il” problema della città di Piacenza. Per questo Legambiente rimane sconcertata dalla leggerezza con cui questa “nuova” pratica urbanistica, che si trascina dal 2006, sia stata approvata dalla Giunta Comunale. Non vogliamo entrare nel merito dei tecnicismi della pratica stessa ma rileviamo solamente che se il mondo cambia anche le decisioni amministrative devono adeguarsi a tali cambiamenti. Tale area di trasformazione produttiva infatti era stata approvata dal Consiglio Comunale per realizzare 49 capannoncini artigianali, a seguito del fallimento della Mandelli, per cui originariamente era stato previsto il cambio di destinazione d’uso del terreno agricolo. Sacrificio di suolo giustificabile se rapportato al contributo di occupazione qualificata che avrebbe prodotto all’epoca dell’industria di meccatronica. Sacrificio un po’ meno giustificabile ma ancora comprensibile per i 49 edifici destinati a imprenditori artigianali. Sacrificio ingiustificato per la destinazione logistica, con il suo portato di traffico e di inquinamento.

Ma un’altra cosa è cambiata dal 2006 ad oggi. Nel 2015 infatti la frazione di Roncaglia è stata drammaticamente investita da un’alluvione che ha creato danni e disagi alla popolazione, ancora molto vivi. La decisione della Giunta Comunale di Piacenza non è quindi solo sbagliata ma anche irriguardosa nei confronti dei cittadini che con pale e carriole si sono liberati del fango portato dalla tracimazione del Nure. Cittadini che non sono disposti a correre nuovi rischi, causati da un’ulteriore impermeabilizzazione del suolo. Come Legambiente ci impegniamo ad approfondire la procedura tecnica appena approvata e i pareri espressi dagli Enti nella Conferenza dei Servizi per verificare la sussistenza di eventuali elementi validi per eventuali azioni.

In ogni caso anticipiamo che se questo volesse rappresentare il cavallo di Troia per dilagare nel prospettato ampliamento della logistica per 1,3 milioni di mq, questa volta l’“Ulisse” di turno troverà pane per i suoi denti, perché i piacentini non possono più ignorare che i cambiamenti climatici non sono solo problemi degli altri ma drammaticamente anche nostri e soprattutto dei nostri figli. I veri diritti acquisiti sono quelli alla salute, nel momento in cui nasciamo, e non esiste ragione al mondo per cui gli speculatori immobiliari - peraltro sempre i medesimi - possano conculcarli, a nostro danno».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • come mai il circolo di Legambiente Piacenza “Emilio Politi” parla di 190mila metri quadrati di logistica ai Dossi di Roncaglia, quando leggo che gli altri parlano tutti di meno di 80mila?

  • il progetto è contro i piacentini che sono al 58°posto-finire prima borgo f. che reggi e dosi non sono stati capaci in 30 anni-spero che la procura accerti le responsabilità

  • Quando poi qualcuno comincerà a morire di cancro, ci si chiederà perché. E qualcuno dell'università di Agraria si affretterà a tranquillizzare la cittadinanza. Come per lìinceneritore e, da ultimo, il glifosato.

  • Forza! Ancora più TIR da tutto il mondo e poi lamentatevi dell'inquinamento e bloccate le auto dei vostri cittadini impedendo loro di recarsi al lavoro. A monte c'è studio o inadeguatezza?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Calci ai poliziotti e insulti al giudice, tensione in tribunale durante il processo dei tre spacciatori

  • Politica

    «No all'Europa delle lobby che impoverisce i cittadini»

  • Incidenti stradali

    Perde il controllo del tir e finisce nel campo, strada chiusa per ore

  • Cronaca

    Cinquemila euro in contanti, una serra in garage e droga in auto: operaio in manette

I più letti della settimana

  • Auto esce di strada e si ribalta durante un sorpasso

  • Conad acquista “Auchan Italia”, i sindacati chiedono tutele per i dipendenti

  • Frontale fra una moto e un'auto, ferito un 47enne

  • Cade una pianta, donna schiacciata durante la passeggiata nel bosco

  • «Esselunga: qualità e trasparenza da sempre, attenzione alle nuove esigenze dei consumatori»

  • Aggressione in via Torricella, accoltellate due persone

Torna su
IlPiacenza è in caricamento