Medico al 118 di Farini, il comitato: «Se l’Ausl non provvede andiamo in Procura»

Dopo la minaccia del blocco della strada provinciale, il comitato pensa di ricorrere in Procura: «L’Ausl deve sistemare definitivamente la questione». Fino al 18 agosto il medico dovrebbe essere presente, ma in questi giorni il posto non era coperto come invece promesso dall'azienda

L’Ausl di Piacenza nei giorni scorsi ha conferito al dottor Gabriele Rauli l’incarico di presidiare, in quanto medico, il pronto intervento di Farini del 118. Questo fino al 18 agosto: un modo per venire incontro alle esigenze della popolazione dell’Alta Valnure, che cresce notevolmente nei mesi di luglio e agosto, rispetto al resto dell’anno. «Abbiamo saputo dell’incarico, ma ci sono stati problemi anche nei giorni scorsi con la presenza del medico nel 118, lo scorso fine settimana il medico non c’era, ci dicono per “problemi tecnici”, peccato». Giovanni Bracchi, consigliere comunale di minoranza a Farini e portavoce (insieme a Claudio Barbieri per Ferriere) del comitato “Vivere sicuri in Alta Val Nure”, insiste nella sua battaglia per il ripristino del medico anche nelle ore notturne (dalle 20 alle 8 del mattino) al presidio del 118 di Farini. Infatti sembrerebbe che si sia verificato qualche inghippo nella copertura del servizio,Bracchi ha incontrato anche il sindaco di Bettola Paolo Negri. «Il primo cittadino bettolese – spiega il portavoce - ci ha dato il suo pieno sostegno alla nostra battaglia per l’Alta Valnure». Bracchi ha già pronta una mozione per il prossimo Consiglio dell’Unione dell’Alta Val Nure, dove partecipano i comuni di Pontedellolio, Bettola, Farini e Ferriere. Nella mozione si chiede di fare il possibile per ripristinare immediatamente il servizio notturno anche per l’inverno, non solo per i due mesi estivi. «Gli infermieri di emergenza non possono fare diagnosi, né prescrivere terapie. Il medico di notte – si legge nel testo del documento – risolverebbe in loco molte problematiche non traumatiche che una diagnosi precoce allevierebbe il disagio dei pazienti, che riceverebbero un trattamento qualificato in loco senza attendere di arrivare a un presidio ospedaliero qualificato». Il comitato si è riunito ancora anche nelle scorse ore. «Se l’Ausl di Piacenza non farà rispettare quanto stabilito dalla delibera della Regione Emilia-Romagna, presenteremo un esposto in Procura, oltre a qualche iniziativa di protesta come il blocco della Strada Provinciale Valnure all’altezza del ponte di Bettola».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

  • Lo abbraccia e lo rapina del Rolex da 30mila euro

  • Cade e batte la testa su una lamiera, grave una donna

Torna su
IlPiacenza è in caricamento