«No al silenzio-assenso nei confronti delle aziende che vogliono riaprire»

Il sindaco Barbieri accoglie l’appello di medici e infermieri e scrive al Governo e alla Regione: «Sia concessa l’apertura solo per situazioni di reale necessità e per servizi essenziali per la popolazione»

Patrizia Barbieri

Patrizia Barbieri, sindaco di Piacenza e presidente della Provincia, ha scritto al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro della Salute, Roberto Speranza, al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, al Ministro degli Interni Luciana Lamorgese e per conoscenza al Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. «Il Governo – spiega Barbieri - ha disposto che possano continuare ad operare solo le attività essenziali per la popolazione e le relative filiere. Ha poi previsto che le attività escluse, qualora ritenessero di essere essenziali per la popolazione o per le filiere, potessero chiedere al Prefetto una deroga. Il problema è che alla Prefettura di Piacenza sono arrivate già 1.273 richieste e che in attesa delle dovute verifiche, queste aziende - in virtù delle normative in essere - si ritengono legittimate alla prosecuzione dell’attività invocando il silenzio assenso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ho portato all’attenzione del Governo e della Regione – informa Barbieri - la preoccupazione che queste aperture effettuate aggirando le disposizioni con il sistema delle autocertificazioni possano portare ad una seconda ondata di contagi, vanificando tutti gli sforzi fatti sinora. I medici, gli infermieri e tutti gli operatori in prima linea ci chiedono di perseverare, di restare in casa perché la situazione di grave emergenza che stiamo vivendo possa migliorare. Pur consapevole delle gravi difficoltà del tessuto economico (che stiamo prendendo in serissima considerazione cercando di mettere in campo tutte le azioni possibili a sostegno delle aziende e dei lavoratori piacentini) ho quindi chiesto al Governo e alla Regione di provvedere ad escludere il ricorso al “silenzio assenso” per consentire alla Prefettura di valutare le istanze caso per caso e di concedere l’apertura in deroga solo per situazioni di reale necessità e per servizi essenziali per la popolazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento