Pd: domenica 3 marzo si vota alle Primarie il nuovo segretario tra Martina, Zingaretti e Giachetti

Domenica 3 marzo le Primarie del Partito Democratico per la scelta del nuovo segretario nazionale. Ecco i dodici candidati piacentini delle tre mozioni in corsa. Si vota dalle 8 alle 20 nei seggi organizzati sul territorio

Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti

Le elezioni primarie per il segretario e l’assemblea nazionale del Partito Democratico si svolgeranno domenica 3 marzo. I 35 seggi del territorio provinciale saranno aperti dalle ore 8 alle ore 20 nei. Tre sono i candidati alla segreteria nazionale in corsa: Maurizio Martina, Nicola Zingaretti e Roberto Giachetti.

I CANDIDATI PIACENTINI DELLE TRE MOZIONI

Per Maurizia Martina i candidati piacentini (in ordine) sono Paola Gazzolo, Christian Fiazza, Giulia Piroli e Gian Luigi Molinari.

Per Nicola Zingaretti: Benedetta Scagnelli, Marco Bergonzi, Benedetta Petrini, Lodovico Albasi.

Per Roberto Giachetti: Sabrina Silva, Alessandro Ferrini, Emanuela Pardi e Matteo Roleri.

Primarie Pd-6

«L’appuntamento delle Primarie – ha spiegato il segretario provinciale del partito Silvio Bisotti - è decisivo non solo per il Pd, ma in generale per una Silvio Bisotti-18ripartenza di una proposta politica alternativa al successo delle destre nel nostro Paese. La debàclé del centrosinistra è stata consistente negli ultimi mesi, qualsiasi candidatura che risulterà vincente tra le tre sarà opportuna per ricostruire questa alternativa. A Piacenza abbiamo messo in campo una macchina organizzativa seria: 150 persone tra presidente e scrutatori, sei seggi in città e molti nella provincia». Chi può votare? «Hanno diritto di voto coloro che dichiarano di essere elettori del Pd, residenti nella nostra provincia. Ma ci sarà la possibilità di derogare chi, pur essendo elettore di Piacenza, si trova momentaneamente in altre realtà dell’Emilia-Romagna. Votare fuori regione non è possibile,  a meno che l’elettore non l’abbia già comunicato in precedenza, come per i minorenni e gli stranieri. Il certificato elettorale non è necessario, basta un documento d’identità».  A Piacenza sono una trentina tra 16enni e studenti fuori regione che si sono mobilitati entro i tempi corretti per votare.

Si può votare dalle 8 alle 20. Il voto si esprime facendo una croce su uno dei tre nominativi candidati alla segreteria. Quando si vota un candidato alla Primarie Pd-7segreteria nazionale, si esprime un voto anche per i quattro candidati piacentino (che rispettano le quote rosa) collegati agli aspiranti segretari. In base alle preferenze ottenute scatteranno i posti all’Assemblea nazionale per i rappresentanti piacentini, che saranno quattro. Edmondo Iannilli è il presidente della commissione elettorale che vaglierà le operazioni di voto e di scrutinio.

Nel 2017 votarono 5938 piacentini. «Speriamo che la diminuzione – commenta il segretario Bisotti - non sia così consistente e che a livello nazionale si arrivi a un milione di partecipanti, con almeno 3mila votanti piacentini. I non iscritti al partito sono chiamati a contribuire con due euro per partecipare al voto. Sarà possibile anche iscriversi sul momento al partito per il 2019».

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il fungaiolo disperso in Valdaveto

  • Rapinato e picchiato sotto casa

  • Il "Borgo dei borghi" 2019 è Bobbio

  • Lo abbraccia e lo rapina del Rolex da 30mila euro

  • Gli alpini invadono Piacenza: la festa è grande!

  • Piacenza e provincia: gli eventi da venerdì 18 a domenica 20 ottobre

Torna su
IlPiacenza è in caricamento