Provincia e Tribunale, rinnovato l'accordo per far lavorare i condannati

A firmarlo Patrizia Barbieri e il presidente del Tribunale Stefano Brusati. L'accordo riguarda i condannati a pena pecuniaria o detentiva non superiore a 4 anni di reclusione, nonché per delitti specificamente individuati dall’articolo 550

Il momento della firma

Nella mattinata di martedì 4 dicembre è stata sottoscritta la convenzione tra Provincia e Tribunale di Piacenza per lo svolgimento di lavoro di pubblica utilità che i condannati a pena pecuniaria o detentiva non superiore a 4 anni di reclusione, nonché per delitti specificamente individuati dall’art. 550 co. 2 c.p.p., possono svolgere a favore della collettività. Il lavoro di pubblica utilità consiste in una prestazione  non  retribuita in favore della collettività di durata non inferiore a dieci  giorni, anche non continuativi, affidata tenendo conto anche delle   specifiche professionalità ed attitudini lavorative dell'imputato, da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni, le aziende sanitarie o presso enti o organizzazioni, anche internazionali, che operano in Italia, di assistenza sociale, sanitaria e di volontariato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Provincia di Piacenza consentirà, dunque, che i soggetti condannati prestino la propria attività di supporto alla collettività, principalmente nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale e per attività di supporto amministrativo e manuale, con contenuti da definire in funzione dei requisiti professionali posseduti da ciascuno. La prestazione sarà svolta con modalità che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute  dell'imputato e la sua durata giornaliera non potrà superare le otto ore, così come previsto dall’art. 54 del D.Lgs. 274/2000. «Questo progetto – non nuovo per la Provincia, che aveva già sottoscritto analoga convenzione negli anni scorsi  - ha un indubbio valore di carattere sociale, sottolinea il presidente Barbieri e testimonia l’impegno delle Istituzioni a collaborare affinché venga data un’opportunità a quanti devono scontare la propria pena di rendersi utili ponendosi al servizio della collettività. E’ importante che l’aspetto necessariamente afflittivo delle sanzioni penali sia sempre correlato a quello educativo. Abbiamo quindi nuovamente scelto di rinnovare la convenzione per altri due anni, riconoscendone il valore e per questo ringrazio il presidente del Tribunale Stefano Brusati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento