Provincia, concluso il progetto "Siamo alla frutta"

Conclusa oggi all'istituto agrario Marcora la prima esperienza di "Siamo alla Frutta", progetto avviato dallo stesso Istituto e dalla Provincia per promuovere tra i giovani il consumo di frutta. L'assessore Pozzi ai bimbi: "Mangate più frutta, è fondamentale"

Conclusa oggi, giovedì 29 aprile 2010, all'istituto agrario Marcora di strada Agazzana, la prima esperienza di "Siamo alla Frutta", progetto avviato dallo stesso Istituto e dalla Provincia per promuovere tra i giovani il consumo di frutta, alimento poco considerato dalle nuove generazioni ma che è invece indispensabile, per le sue tante virtù nutrizionali e terapeutiche, alla loro crescita e al loro sviluppo, fisico ed intellettuale.

IMPARARE DIVERTENDOSI - Iniziato nell'ottobre scorso e rivolto ai ragazzi della media inferiore, il progetto ha coinvolto un numero considerevole di studenti. Si sono tenuti due incontri per ogni classe aderente. Nel primo incontro si sono fornite informazioni sulla frutta presente dalle nostre parti, su come si riconoscono le piante e su come si mettono a dimora. Nel secondo incontro si sono fornite indicazioni su come si forma e su come è fatto un frutto, sulla stagionalità delle nostre qualità rustiche, sulle loro caratteristiche nutritive Alla lezione conclusiva hanno partecipato gli alunni di una classe della scuola media di Gropparello.

"MANGIATE FRUTTA" - Ha loro portato il saluto dell'amministrazione provinciale l'assessore all'Agroalimentare, Filippo Pozzi. "Tanti di voi - ha detto - non hanno consapevolezza di che cosa possa rappresentare la biodiversità. E' un concetto che la Provincia cerca di far passare, nell'anno che lo celebra. Il nostro Paese può contare su un patrimonio inestimabile di varietà di piante e di animali. Voi avete avuto il privilegio di vedere di persona il processo che porta alla produzione del frutto, nelle sue varie fasi, dalla messa a dimora della pianta al consumo, e avete avuto l'opportunità di imparare che un frutto di qualità è il prodotto di una buona tecnica di produzione. Mangiate più frutta: la frutta fa bene, il suo consumo è una componente di quello stile di vita che vogliamo sempre più diffondere nella nostra comunità e che è fatto di alimentazione sana, di consumo di cibi genuini, di attività fisica. Nelle scorse settimane abbiamo avviato un'altra iniziativa che vuole promuovere il consumo di frutta tra i giovani collocando, in alcune scuole superiori, distributori di frullati senza conservanti. Vogliamo andare avanti su questa strada, fruendo anche del contributo e del supporto dell'Istituto agrario".

"UN'ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA" - Un richiamo alla validità dell'iniziativa anche dal dirigente dell'istituto, Mauro Sangermani "La frutta rappresenta l'alimentazione più equilibrata in natura, ed ha una enorme importanza alimentare. Dobbiamo portare tutti alla consapevolezza che è necessario abbandonare il consumo di alimenti conservati per tornare all'utilizzo di prodotti sani e freschi". Dal preside, una ringraziamento ai professori dell'istituto che hanno tenuto ai ragazzi le lezioni previste dal progetto: Marta Cella, Ulisse Ferrari e Ernesto Colombani. Tutti presenti all'incontro conclusivo, con il vicepreside Roberto Belli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esasperato per i furti sparò ai ladri in cantiere: imprenditore condannato per tentato omicidio

  • Incidenti stradali

    Frontale alla rotonda, cinque feriti. I testimoni: «Un'auto stava sorpassando»

  • Fiorenzuola

    «"Nuovi" terreni per chi crea e da lavoro alla città». La minoranza: «Manca una visione d'insieme»

  • Cronaca

    In arresto cardiaco a 23 anni, i poliziotti delle volanti lo salvano con il defibrillatore

I più letti della settimana

  • Frontale alla rotonda, cinque feriti. I testimoni: «Un'auto stava sorpassando»

  • Esasperato per i furti sparò ai ladri in cantiere: imprenditore condannato per tentato omicidio

  • Due bimbi fuggono a piedi dal Nido per un cancello rimasto aperto, salvati dalla polizia locale

  • “Piacenza Nord” non c’è più, l’uscita autostradale è diventata “Basso lodigiano”

  • Lo rapina del cellulare poi si accorge che è un modello vecchio e lo riempie di botte

  • «Picchiato per motivi sindacali», fermato un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento