Rabuffi: «La Giunta Barbieri è il più grande bluff degli ultimi tempi»

Il consigliere di “Piacenza in Comune” interviene dopo la segnalazione sullo stato di sporcizia e incuria di piazza Cavalli: «Altro che telecamere intelligenti e regole per i commercianti, promesse non mantenute»

Il grido di dolore di piazza Cavalli, alle prese ancora con una volta – con le prime iniziative estive – a dover subire sporcizia, macchie d’olio sulle sue lastre, che in alcuni casi sono state anche rotte, non passa inosservata. Il consigliere di “Piacenza in Comune” Luigi Rabuffi interviene esprimendo una riflessione, dopo che il Consiglio comunale nei mesi scorsi aveva approvato una mozione dei Liberali Piacentini che voleva cercare di tutelare maggiormente la piazza. «Piazza Cavalli – spiega Rabuffi - il nostro meraviglioso museo a cielo aperto, ha Luigi Rabuffi-14-3subito l'ennesima violenza. Vilipesa. Trattata nè più nè meno come il parcheggio di uno stadio, dove non mancano i venditori di salamelle e i finti tifosi che ogni settimana infieriscono, impuniti e liberi di fare ciò che vogliono. Altro che desiderio di valorizzare la piazza. Altro che telecamere intelligenti funzionanti 24 ore al giorno. Altro che rispetto delle regole per i commercianti e per i viandanti. Altro che rispetto per le istituzioni (mi domando come si fa a permettere tutto ciò sotto la Casa Municipale...). Quante promesse non mantenute... Quante parole al vento ... La verità purtroppo è una sola: questa Amministrazione rappresenta il più grande bluff dei nostri tempi. Forte coi poveretti; debole, debolissima, totalmente assente, con tutti gli altri. Davvero un bel risultato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Travolti da un'auto dopo un incidente: tre feriti, uno è un carabiniere

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

Torna su
IlPiacenza è in caricamento