Rancan (Lega): «La Regione ripristini subito il medico notturno a Farini»

Il consigliere regionale del Carroccio: «L’alta Val Nure ha bisogno di un servizio simile a quello dell’alta Val Trebbia»

«La Regione Emilia Romagna si attivi tempestivamente per ripristinare l’assistenza di un medico a Farini 24 ore su 24. L’alta Val Nure ha bisogno di un servizio simile a quello dell’alta Val Trebbia».Torna a chiederlo, questa volta attraverso una risoluzione indirizzata al presidente Bonaccini e alla sua giunta, il consigliere regionale della Lega Matteo Rancan. Riguardo a questa problematica, l’esponente piacentino del Carroccio aveva infatti già interpellato l’amministrazione regionale a giugno. Di nuovo, la proposta è quella di garantire al territorio la presenza diurna e notturna di almeno un medico del 118 in possesso di regolare abilitazione (MET) conseguita in Emilia Romagna, assistito da un infermiere del 118.

Quello di Farini è infatti un territorio – fa notare il consigliere – «soggetto a forte spopolamento, in cui i cittadini risiedono prevalentemente in frazioni che possono distare fino a 70 chilometri da Piacenza, da percorrere su strade non sempre in condizioni ottimali. Evitare il trasferimento dei pazienti in ospedale comporta una significativa riduzione dei costi sanitari».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«La giunta Bonaccini – afferma Rancan – tenga presente che i Comuni montani, rispetto ad altre realtà, partono sfavoriti nell’accesso agli ospedali e che quindi un presidio permanente di pronto intervento con medico è fondamentale per il paziente. Soprattutto – evidenzia - in una zona montuosa la cui popolazione ha un’età media avanzata. Il personale infermieristico che già presta servizio a Farini è formato, competente e preparato, ma la presenza di un dottore garantisce che il servizio sanitario resti ai livelli precedenti senza alcuna compromissione della qualità della vita e della salute della popolazione di montagna».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, 33 morti a Piacenza in un giorno: è il record peggiore. Sono 314 dall'inizio dell'epidemia

  • Tamponi ed ecografia a domicilio per i sospetti Covid, quattro team medici da martedì casa per casa

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento