Riduzione dell'indennità dei parlamentari, al via una raccolta di firme

Organizzata dall'associazione San Giorgio Viva, i banchetti verranno allestiti tra sabato e domenica a Piacenza, San Giorgio, Podenzano e Carpaneto: «Immorale e inaccettabile in un momento come questo l'indennità spropositata dei parlamentari»

Primo e unico caso in provincia di Piacenza, l’associazione San Giorgio Viva, già nota per le sue iniziative culturali, ambientali e a favore delle famiglie e degli adolescenti, offre un grandissimo servizio a tutta la cittadinanza sangiorgina e non, attivandosi e scendendo in piazza per raccogliere le firme per il referendum anticasta, che si prefigge l’obiettivo di ridurre l’indennità ai parlamentari. «E’ ormai universalmente accertato il fatto che i parlamentari percepiscono un’indennità spropositata, oltre a tutti gli altri privilegi, per cui la situazione non è solo vergognosa, ma veramente immorale ed inaccettabile, soprattutto in un momento come questo in cui, a causa della crisi, tanti cittadini rimangono senza posto di lavoro e tante attività sono costrette a chiudere i battenti» dichiara Luigi Pontiggia, presidente dell’associazione, «Per questo abbiamo spontaneamente aderito all’iniziativa referendaria».

«Oggi più che mai i cittadini tutti hanno bisogno di politici seri, che vivano il loro ruolo istituzionale come un mandato vitale, quasi come una vocazione; non di politici pronti a tutto pur di mantenere i privilegi che hanno accumulato in anni e anni di imbrogli politico elettorali» dichiara Enzo Varani, consigliere provinciale: «per questo mi sono messo a disposizione dell’associazione per vidimare le firme che raccoglieremo e so che saranno veramente tante. Abbiamo aderito all’iniziativa che ci sembra ottima. Se i politici fossero persone serie - conclude Varani - prenderebbero le iniziative interessanti e le porterebbero avanti anche quando provengono da una fazione diversa». 

Tra i volontari dell’associazione che raccoglieranno le firme anticasta, anche Luigi Ferraroni ex segretario della Lega Nord di San Giorgio, che sottolinea la sua personale opinione e il perché della sua adesione all’iniziativa. «La riduzione degli stipendi dei parlamentari, l’eliminazione delle auto blu erano alcune delle promesse fatte in passato dalla Lega Nord, e dopo tante promesse e anni ed anni di governo questi privilegi sono più forti che mai: come può un leghista essere soddisfatto? Ecco che con l’adesione a questa iniziativa, incomincio un nuovo percorso, con l’obbiettivo di riunire tutte le persone, politici e non, di buona volontà e disposte a mettersi in gioco per arrivare a governare a livello locale,  per cambiare seriamente le cose nel segno dell’onestà, della democrazia e della trasparenza».

Alla raccolta oltre ad altri volontari e al presidente Pontiggia, parteciperanno anche i consiglieri comunali di San Giorgio Cristina Busca, Lamberto Curatolo, Erminio Affaticati e Opilio Astorri. L’appuntamento quindi per i piacentini è per sabato 21 luglio dalle 8 alle 13 e dalle 16 alle 19 in piazza Duomo angolo via Chiapponi. Per i sangiorgini è per domenica 22 luglio in piazza Marconi, provinciale di Carpaneto, dalle 9 alle 13. Per i cittadini di Carpaneto è per domenica 22 luglio dalle 9 alle 13 in piazza 20 Settembre davanti al municipio. Per i podenzanesi è per domenica 22 luglio dalle 9 alle 13 in piazza Italia.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Casaliggio, schianto fra tre auto: sette feriti all'ospedale

    • Cronaca

      Tir distrutto dalle fiamme al casello di Piacenza Nord

    • Cronaca

      Accosta con l'auto e si accascia, automobilista stroncato da un malore

    • Sport

      Dal nulla spunta Musetti. Il Pro Piacenza si salva contro la Giana

    I più letti della settimana

    • Referendum Costituzionale, il No vince in città e provincia con il 57,4%

    • Referendum, a Piacenza e provincia ha votato il 72%

    • De Micheli (Pd): «Delusione ed amarezza, occorre riflettere»

    • «San Giorgio spettatore del futuro dell'aeroporto di San Damiano»

    • Referendum, il voto in Valdarda: vince il No con il 58,24 per cento

    • Il Pd: «Ripartiamo da quel 41% che ha votato Sì e che vuole il cambiamento»

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento