San Damiano come centro di formazione per i vigili del fuoco, Scarpa: «Così non va»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

«Ci mancava il binomio Gazzolo-Tagliaferri per alzare il siparietto sull’utilizzo dell’aeroporto di San Damiano. Infatti Tagliaferri, allora sindaco di San Giorgio, si era ben prestato alla sceneggiata impostata dalla direzione del Demanio circa la consultazione pubblica fatta a San Giorgio sull’ipotesi di un coinvolgimento della popolazione per la presentazione di progetti sull’ aerea dell’aeroporto che era ed è a uso militare. Consultazione che come avevamo previsto ha rasentato la farsa; basti vedere le proposte emerse tutto o quasi impossibili da realizzare, a cui è stata data ampia evidenza. Peccato che l’unica proposta aderente all’uso della struttura militare che era stata presentata a suo tempo al Ministero della Difesa non è stato preso in considerazione dal generale presente alla riunione, il quale a fronte di richieste precise di Federico Scarpa e del signor Luigi Alabastri aveva posto un diniego incomprensibile.

Le proposte a cui fa riferimento Tagliaferri sono a dir poco fantasiose e non nascono certo dagli abitanti di San Giorgio. Ma la cosa più preoccupante e che l’assessore Gazzolo, dimenticando temi molto più importanti per il nostro territorio, propone un centro nazionale di formazione per i Vigili de Fuoco. Ma i vigili del fuoco di Piacenza cosa ne pensano di questa iniziativa nazionale che avrà scarsa fortuna, essendo gli stessi alle prese con i soliti problemi strutturali e gestionali locali. L’assessore Gazzolo prima di proporre fare proposte riguardanti il territorio piacentino ascolti tutti coloro che hanno delle idee e delle proposte serie e non rispondere a delle interrogazioni che sanno tanto di campagna elettorali».

Il presidente del consorzio Co.Sil Federico Scarpa         

Torna su
IlPiacenza è in caricamento