«Servono contributi regionali per la copertura telefonica in montagna»

Il consigliere regionale Fabio Callori chiede alla Giunta di risolvere un problema che riguarda «circa il 30% del territorio montano»

Stanziare contributi regionali straordinari per incentivi mirati alle società di telefonia mobile per garantire piena copertura per i telefoni cellulari in tutta la regione e in particolare nelle zone di montagna. A chiederlo, con una interrogazione alla giunta, è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Fabio Callori. Il consigliere, infatti, sottolinea come “nelle aree montane del piacentino ci siano zone non coperte dai ripetitori delle società telefoniche”. Un problema “che riguarderebbe circa il 30% del territorio montano” e una situazione che “crea disagi ai residenti e non incentiva gli insediamenti nelle zone di montagna che continuano a spopolarsi”. Una mancanza che è anche “un pericolo, come purtroppo testimoniato dal tragico incidente di venerdì notte nel canale di scolo sotto la strada provinciale 68 di Bobbiano di Travo, dove ha perso la vita un motociclista che non è riuscito a chiamare i soccorsi con il suo telefono cellulare. E la richiesta di maggiore copertura telefonica arriva anche dagli stessi soccorritori delle ambulanze”. Dunque per questo, Callori chiede alla giunta “di valutare lo stanziamento di contributi regionali straordinari per incentivi mirati alle società di telefonia mobile per una piena copertura per i telefoni cellulari, in particolare nelle zone di montagna”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Resta grave la 23enne falciata da un’auto: sottoposta nella notte a un delicato intervento chirurgico

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento