homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Siccità, Pozzi: «Stop alle polemiche su commissariamento bonifica»

L'assessore provinciale all'Agricoltura: «Trovare la condivisione per fissare nuovi e più sostenibili parametri di dmv. Un nuovo metodo di applicazione per irrigare e mantenere in produzione le colture»

L'assessore Filippo Pozzi

«Il presunto commissariamento del Consorzio di Bonifica di Piacenza non è il tema di oggi; abbiamo voluto dare fiducia agli assessori Freda e Rabboni circa la correttezza dell'approccio sul tema Trebbia da parte della cabina di regia ma, ricordo, questa non può esserci se le misurazioni e le verifiche tecniche che si stanno facendo in questi giorni non servono a rimettere in discussione un metodo di applicazione del rispetto del Deflusso Minimo Vitale che permetta anche agli agricoltori, seppur con tutte le accortezze di una corretta gestione della risorsa, di irrigare e mantenere in produzione le loro colture». A dirlo è l’assessore provinciale Filippo Pozzi.

«Sono stato testimone, nella riunione a Bologna che ha istituito la cabina di regia, delle rassicurazioni sul fatto che il riesame del metodo di calcolo del DMV sarebbe stato, in modo oggettivo e trasversale, il primo punto all'ordine del giorno di quell'organismo tecnico. Sancita l'importanza del deflusso minimo vitale nei corsi d'acqua per la salvaguardia degli ecosistemi, in tutto il mondo infatti il suo metodo di calcolo viene scelto in base, innanzitutto, alle caratteristiche del fiume e della sua morfologia, apportando alla "formula tipo" i correttivi peculiari; non credo sia un'eresia predisporre un metodo che tenga conto dell'elevato scambio tra acque di alveo e quelle di subalveo del Trebbia. Non possiamo nemmeno accettare che le minacce di infrazione comunitaria siano la base di discussione: al contrario il sistema territoriale, insieme alla Regione e dialogando con i suoi principali portatori di interesse, deve definire collegialmente un regime di rispetto del DMV che sia aderente alle norme comunitarie ma sostenibile nel tempo; finché ognuno pretende di giocare la propria partita assisteremo sempre alle speculazioni di una parte che si erge a controllore a scapito degli interessi dell'altra e con buona pace del sistema produttivo agricolo piacentino».

«Se questo, come da accordi, è lo spirito della cabina di regia bene, altrimenti se qualcuno in Regione ha pensato di porre semplicemente "sotto tutela" il comparto agricolo piacentino, cercando di avvalorare una linea precostituita, avremo tutti fallito, gli agricoltori ne pagheranno le conseguenze e avremo avuto la risposta alle reticenze degli ultimi dieci mesi circa le richieste da parte nostra sull'affrontare, fuori dalle urgenze della campagna agricola, il tema "Trebbia».

«Chiederò ufficialmente, come vice presidente della macroarea, che il sistema dei parchi dell'Emilia occidentale sia quantomeno informato in modo puntuale circa i lavori della cabina di regia; voglio infatti ringraziare il personale della Provincia, che lavora anche per la macroarea, per la prontezza dimostrata nel riuscire a circostanziare la possibilità del prelievo per l'irrigazione, in via emergenziale, dai laghi di Gossolengo e di Gazzola e per l'opera di coordinamento e supporto alla preziosa attività dei volontari delle associazioni piscatorie che in questi giorni sono impegnati per il monitoraggio dello stato di salute delle popolazioni ittiche del Trebbia; ad oggi sono stati effettuati 3 interventi di recupero che hanno consentito il salvataggio di circa 1,5 quintali di pesce, tra le quali carpe, barbi, cavedani, lasche e luccio perca. Si prevede di effettuare altri 3 interventi nei prossimi giorni e l'operazione, finanziata dal Consorzio di Bonifica, nel complesso coinvolge oltre 60 operatori».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Però,finalmente,ci si rende conto che cosi' com'è strutturato il dmv forse è da rivedere.D'altronde non si è mai visto che nei periodi di secca i torrenti più si và a valle e più acqua si trova.Eppure il dmv si pretende che sia cosi.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Umilia e minaccia la moglie per mesi: 49enne allontanato da casa

  • Incidenti stradali

    Violento tamponamento a Gossolengo, auto finisce fuori strada: tre feriti

  • Cronaca

    In vespa ubriaco sulla via Emilia Pavese: 40enne denunciato

  • Cultura

    Ferriere Sport Camp: novecento persone ospitate in un'estate

I più letti della settimana

  • Militanti in fuga dalla Lega Nord: «Ci siamo illusi, troppe beghe interne»

  • Lega Nord "spaccata", la corsa verso le Comunali minata da lotte intestine

  • Terremoto nel centro Italia, parte una raccolta fondi per Illica

  • «No a kebab e minimarket etnici nei centri storici. Cosa vuole fare la giunta?»

  • Incidenti causati da animali, Foti: «Non bastano i cartelli di pericolo»

  • Terremoto, Bergonzi: «Raccolta fondi del Pd, ogni onorevole può donare mille euro»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento