Slot machines a 500 metri dai luoghi sensibili: «Iter complesso, ma il Comune ha completato la mappatura»

Contrasto alla ludopatia, l’assessore Zandonella: «Condividiamo il grido d’allarme lanciato da Acli, è un problema sociale grave. Uscirà un nuovo bando Slot Free»

Sotto, l'assessore Luca Zandonella

Anche il Comune di Piacenza ha completato la mappatura delle sale slot situate sul territorio urbano e l’individuazione dei luoghi sensibili dai quali deve essere rispettata la distanza minima di 500 metri, trasmettendo agli esercenti interessati le note informative riguardanti la Luca Zandonella-11delocalizzazione, così come previsto dalla normativa regionale in materia. «Al momento – spiega l’assessore alla Sicurezza urbana, Luca Zandonella – sono al vaglio degli uffici competenti ulteriori provvedimenti, a conferma dell’impegno nel contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo e per la prevenzione delle ludopatie. L’Amministrazione comunale condivide il grido d’allarme lanciato da Acli, che giustamente pone l’accento su un problema sociale grave e purtroppo molto diffuso, che richiede soluzioni concrete e incisive. Al tempo stesso, i ricorsi amministrativi cui sono ad oggi esposte alcune municipalità del territorio dimostrano la complessità di attuazione di questo iter».

«Altrettanto importante – aggiunge l’assessore – è la sensibilizzazione che si realizza, ormai da alcuni anni, grazie al progetto regionale Slot Free, che a Piacenza conta sinora l’adesione di 42 esercizi virtuosi i cui titolari hanno rinunciato a installare apparecchiature per il gioco d’azzardo. Proprio negli ultimi mesi del 2018 la nostra Amministrazione ha partecipato al bando regionale che mette a disposizione contributi sino a 4000 euro, per iniziative di promozione proposte da esercizi slot-free, anche in collaborazione con associazioni giovanili e culturali. A breve – anticipa Zandonella – uscirà un nuovo bando, sempre collegato al progetto Slot free, che è nostra intenzione diffondere valorizzando in particolare, come punto di riferimento, i centri di aggregazione Spazio 2 e Spazio 4.0: crediamo infatti si tratti di un’opportunità importante, che può contribuire a far valere innanzitutto tra i giovani la testimonianza e l’esempio di commercianti che, con coraggio, hanno fatto una scelta precisa in termini di legalità, principi etici e valori sociali, a tutela della salute dei cittadini e della solidità delle famiglie».

Potrebbe interessarti

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Perché smettere di stirare? Vantaggi e consigli

  • Ricetta della sangria, consigli per un aperitivo estivo

I più letti della settimana

  • Arrestata per omicidio a Ravenna, a Piacenza era già finita nei guai per stalking e resistenza

  • Migliaia di rotoballe divorate dalle fiamme nella notte, nel rogo muoiono anche alcuni bovini

  • Ferragosto e dintorni: come trascorrerlo a Piacenza e in provincia

  • Omicidio in piadineria a Ravenna, la coppia è di Travo

  • Cade da una scala, muore operaio

  • Travolto in bici da un furgone, grave un bambino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento