«Sono schifato da Renzi e sul territorio abbiamo troppi leader autoreferenziali»

Lo sfogo di Alessandro Ghisoni, ex sindaco di Podenzano e componente della direzione nazionale del Pd: «In un mondo normale la segretaria provinciale, dopo tutte le sconfitte subite, si sarebbe già dimessa»

Alessandro Ghisoni

Da renziano della prima ora a grande accusatore. Alessandro Ghisoni, gettata alle spalle l'esperienza delle Regionali 2014 - unico rappresentante del Partito Democratico a non essere approdato a Bologna -, da tempo è una spina nel fianco della segretaria provinciale del suo partito. Molto distante – e critico - dalla linea della maggioranza a livello nazionale e locale, non ha ancora deciso se presentarsi o meno al voto di domenica: anche l'ex sindaco di Podenzano fa infatti parte dell'Assemblea nazionale del Pd. «Deciderò all’ultimo se andare o meno. Sono molto deluso, anzi, “schifato” da Renzi». Eppure Ghisoni fu tra i primi a scommettere sul fiorentino nel nostro territorio, insieme all’attuale presidente della Provincia Francesco Rolleri. «Sono un renziano della prima ora – precisa Ghisoni -, così come poi sono diventato un “pentito” della prima ora. Credevo molto in quello che diceva Renzi, i fatti sono stati poi molto diversi...».

«Non so ancora se andrò - spiega Ghisoni - se si parlerà di fare un vero congresso potrei partecipare». In questa diatriba nazionale, chi sono i suoi riferimenti? «Sto con Bersani e Migliavacca e condivido ciò che dicono Emiliano, Speranza e anche Orlando. Buttare giù il Governo per una questione di vitalizi è fantascienza: se Renzi vuole veramente cacciare Gentiloni per quel motivo, che si impegni per far modificare la legge sui vitalizi. Se il Governo sta in piedi con forze sue, perché buttarlo giù?».

Ma l’idea di scissione non affascina più di tanto Ghisoni. Lui non viene da una storia post-comunista. «Da giovane ero della Democrazia Cristiana, andavo alle Feste dell'Amicizia, non sono molto interessato a una nuova “cosa rossa”. A me interessa avere un Pd forte, attento ai problemi reali del Paese. Invece a Roma parlano, e il territorio intanto subisce. Non siamo più rappresentativi neanche a Piacenza! E proprio nei territori abbiamo leader autoreferenziali come lo è Renzi a livello nazionale». A chi si riferisce? «In Regione a Bonaccini, a livello provinciale a persone come Caragnano, Rolleri, Reggi».

Per l’ex sindaco (per dieci anni) di Podenzano, la crisi del Pd è conclamata e grave. «Ormai s’interessano di politica solo gli “addetti ai lavori”, non c’è più coinvolgimento. E il Pd non sta interpretando bene la situazione locale: in pochi mesi nel Piacentino abbiamo perso in quasi tutti i comuni e soprattutto abbiamo perso a Fiorenzuola. Poi abbiamo deciso di appoggiare i progetti di fusione dei comuni. In Valnure, su cinque paesi - di cui quattro amministrati dal centrosinistra - le fusioni sono state bloccate dalla popolazione con risultati netti. Perfino a Vigolzone, dove è sindaco Rolleri, si è perso. E poi c’è stato il Referendum del 4 dicembre, dove è arrivato un chiaro segnale da tutti i comuni del territorio. In un "mondo normale" la segretaria provinciale si sarebbe già dimessa. Questi risultati, e l’arroganza di chi è alla guida Pd locale, “si dovrebbero pagare”». Dalle sue parole si capisce che c'è poca fiducia in un cambio di rotta repentino da parte del partito.  «Ci sono problemi grossi nel Pd: o si sentono e si vedono spiragli per ripartire da zero, oppure...vedremo cosa succederà».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • se Alessandro Ghisoni del pd ammette di essere schifato dal bischero renzie, anch'io, che pur non essendo del pd ne sono ugualmente schifato, mi sento di poter dire che su di me l'ex premier renzie ha anche un effetto lassativo

  • ma è mai possibile che in piacenza e provincia non ci siano persone rispettabili e competenti per governarci? fino ad ora chi fa finta di governarci pensa solo ed esclusivamente alla sua scranna, vedi bersani, migliavacca, i renzi con renzianmi al seguito ecc.ecc. Ma della gente che vi ha mandato in parlamento ve ne frega qualcosa? fino ad ora avete dimostrato il contrario. La gente cerca affannosamente di sopravvivere e voi continuate a pensare a congressi, assemblee ecc.ecc. Fatela finita e tornatevene a casa.

  • Non mi sono mai fidato di chi promette soluzioni facili e dichiara di avere la bacchetta magica (da Berlusconi a Renzi e adesso Grillo). Renzi non ne ha azzeccata una, tutte le sue riforme si sono rivelate un disastro (jobs act, buona scuola, abolizione delle province per culminare con il referendum del 4 dicembre) vedremo a maggio come andrà l'APE. Anche a livello locale, come evidenziato da Ghisoni, le cose non sono certo andate meglio, perciò o si riparte con una visione diversa oppure si arriverà inevitabilmente alla scissione.

  • avete rovinato l'Italia, avete tutte le ragioni di essere schifati del vostro schieramento ed operato. Tuttavia, anche se ora lo ammettete, non siete credibili, dovevate andare a protestare da Renzi quand'era ora.

  • in un mondo decente invece di parlare di congressi e correnti dovreste essere tutti buttati fuoir e al loro posto metere persone che si occupano seriamente ed urgentemente di migranti, sicurezza e lavoro

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Figlio di nove anni disabile e positivo alla cocaina, padre condannato a 8 mesi

  • Politica

    La lista del Pd: tante conferme, qualche ritorno e poche novità

  • Cronaca

    Omicidio Pierini, madre e figlio si accusano a vicenda

  • Economia

    Guadagni dei top manager, dopo Marchionne c’è Ghizzoni

I più letti della settimana

  • «Mi hanno offerto poltrone ma mi candido lo stesso, sono un uomo libero»

  • «Nuova area logistica, disoccupati non illudetevi: arriva lavoro di bassa qualifica e precario»

  • In cento con Rizzi alla scuola Sant'Eufemia per scrivere il programma 

  • «La sinistra ha portato il degrado in città. A Piacenza serve aria fresca in tutti i sensi»

  • Profughi, Confedilizia: «I primi responsabili dell'invasione sono i comuni»

  • La lista del Pd: tante conferme, qualche ritorno e poche novità

Torna su
IlPiacenza è in caricamento