Tarasconi: «Non solo nuovi treni per i pendolari, occorre restituire dignità a chi viaggia»

La consigliera regionale e candidata alle prossime elezioni del 26 gennaio, ringrazia l’Associazione Pendolari Piacenza per aver sottolineato gli interventi nell’ultima legislatura regionale in tema di alta velocità

Tarasconi

Katia Tarasconi, consigliera regionale e candidata alle prossime elezioni del 26 gennaio, ringrazia l’Associazione Pendolari Piacenza per aver sottolineato gli interventi nell’ultima legislatura regionale in tema di alta velocità e rilancia: «Dobbiamo puntare ad un servizio di qualità soprattutto per le fasce d’utenza più economiche. Chi viaggia in treno da Piacenza deve essere ulteriormente agevolato. Oltre a rendere strutturale la possibilità di utilizzare i FrecciaArgento con la convenzione MiMuovo senza aggravio di costi, è necessario potenziare i posti a sedere sulle linee Regionali dei treni Rock, recentemente introdotti. Citiamo a tal proposito due casi lampanti di treni dove i viaggiatori viaggiano sempre stipati: il Milano Centrale-Rimini delle 18,15 così come, sulla rotta opposta, il Rimini-Milano che ferma a Piacenza alle 7.55. Per almeno questi due treni è necessario intervenire».

«Un altro caso sul quale intendiamo agire in tempi brevi - prosegue - è il ripristino della fermata a Piacenza dei FrecciaArgento del pomeriggio diretti a Milano. Nel nuovo orario, infatti, questi treni dopo le 14 “saltano” Piacenza arrecando un grave disagio a tutti i piacentini che lavorano nella vicina Parma. Almeno per due di questi treni, quelli utilizzati dall’utenza pendolare, andrebbe aggiunta la fermata di Piacenza: il FrecciaArgento Taranto-Milano che attualmente ferma a Parma alle 17.07, così come il FrecciaArgento il Lecce-Milano che ferma a Parma alle 18.07».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«C’è poi – conclude Tarasconi – l’annoso problema della sicurezza a bordo treno. Sia per i controllori, che rischiano aggressioni – come accaduto recentemente – mentre sono nell’esercizio delle loro funzioni, così come per le passeggere e per i passeggeri. Viaggiare in treno deve trasformarsi il più rapidamente possibile in un servizio di qualità rispettoso della dignità umana. Anche a costo di implementare i controlli a bordo della Polfer per evitare spiacevoli sorprese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento