homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

«Un collegamento veloce tra Piacenza e Liguria attraverso la Valnure»

Interrogazione in Regione di Pollatsri (Pdl) per far inserire nel Piano Regionale Integrato dei Trasporti 2010-2020 la "Variante Cammia", un collegamento tra la valle piacentina e la Statale 62 della Cisa in località Pontremoli

Pollastri: «La Regione offra al territorio piacentino questa importante opportunità»

Collegamento veloce tra Piacenza e il Mar Ligure? Per Andrea Pollastri (PdL) è «Un’opportunità di sviluppo che la Regione deve offrire al territorio piacentino». L’azzurro ha presentato un’interrogazione per chiedere se la Giunta intenda inserire nel Piano Regionale Integrato dei Trasporti (PRIT) la variante alla strada provinciale di Valnure, più nota come “Variante Cammia”. Tale opera, il cui primo progetto ha circa quarant’anni, prevede un collegamento tra la valle piacentina e la strada Statale n. 62 della Cisa in località Pontremoli.

«La realizzazione della bretella - spiega il Consigliere - costituirebbe un’importante occasione di sviluppo per la media e alta Valnure, ma anche per l’intero territorio piacentino, collegato in modo rapido con la Liguria e l’Italia centro-meridionale. La valenza sovraprovinciale della Variante e l’alto costo dovuto al numero di chilometri in galleria rendono indispensabile il coinvolgimento anche economico della Regione».

«Affinché ciò avvenga – prosegue – è auspicabile l’inserimento di quest’opera negli strumenti pianificatori urbanistico-infrastrutturali regionali, in primo luogo PRIT: l’occasione è, tra l’altro, propizia perché è in discussione in Commissione Territorio il nuovo Piano 2010-2020, che andrà a prevedere gli interventi prioritari da realizzare nel prossimo decennio. Invito pertanto l’Amministrazione Regionale – chiosa – ad inserire quest’opera nel PRIT 2020 e ad attivare con le Province di Piacenza e Parma ed i Comuni interessati un confronto istituzionale al fine di definire progetto, costi, tempi ed eventuali criticità per la realizzazione dell’opera».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Sembra incredibile che prima si sopprimono i collegamenti validi e poi si ripropongono soluzioni superflue. Un tempo esisteva la littorina da Piacenza a Bettola (partenza dall'attuale Borgo Faxhall), che avrebbe portato turisti, benefici economici e poco inquinamento. La linea avrebbe potuto essere prolungata, o riammodernata fino a Chiavari, con tempo di percorrenza di circa un'ora: esisteva già un progetto agli inizi del Novecento poi abbandonato, perché disturbava certo potentato locale. Tutti conosciamo la scomodità ferroviaria per Genova e la Riviera di Levante e di Ponente: Esisteva pure la linea diretta della corriera "Fiumana Bella" (denominazione dantesca dell'Entella di Chiavari: "...Intra Siestri e Chiavari s'adima una fiumana bella..."), in partenza da Piazza Cittadella e che percorreva la Val d'Aveto, con fermata a Santo stefano d'Aveto, ecc. e con il capolinea a Chiavari, vicino alla stazione FF.SS. Non aggiungo altro...

  • Per quelle che ha proposto nel blog la Piacenza-Genova: Il Trebbia lo ab biamo già strapazzato abbastanza e di camion non ne vogliamo ( Si facciano la Serravalle e la Cisa) Poi che cosa costerebbe fare una strada su terreno franoso e sabbioso?n ( vedere i cantieri sulla Parma-Mare) Prendere il treno o fare quella che c'è già. Ti sei davvero fumato crack assessore.

  • Pollastri ma cosa ti sei fumato ?...sarebbe più importante preoccuparsi di terminare il collegamento in val trebbia tra Cernusca e Rivergaro...

  • credo che i cinque commenti precedenti la dicano lunga su questa proposta. La ValNure è una delle poche valli ancora incontaminate, perchè dobbiamo distruggerla? Per andare veloci in Ligura basta prendere l'autostrada della Cisa, credo che fra gallerie e viadotti di scempio ce ne sia già abbastanza. Ma di che partito è questo politico che fa questa proposta?

  • Ma perché questo omino non si limita a non fare un caxxo come tutti i suoi colleghi invece che far proposte che se approvate farebbero danni? Non c'è già abbastanza dissesto ambientale e inquinamento?

  • Avatar anonimo di Perrofeo
    Perrofeo

    Si consiglia A21 poi a sinistra per A7. Comoda,veloce,gia' fatta

  • Servirebbe un collegamento serio di carattere commerciale Piacenza - Genova, altroche'! Pensate che i trasporti di container intermodali (treno + camion) partono da Rho e da Melzo per andare a Genova ................ non potrebbero partire da Piacenza? Se volete andare al mare, la galleria non e' un grosso problema:forse pollastri ha preso troppo sole....................

  • Direi piuttosto che sia di imprese appaltatrici e appaltatori.A buon intenditor poche parole.

  • Sono sempre favorevole allo sviluppo della viabilità ma credo che in questo caso il maggior interesse sia di altri cioè della Riviera e della Lunigiana.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «Siamo in attesa che la Regione ci dia la possibilità di intervenire per il terremoto»

  • Cronaca

    Piacentina vittima del terremoto: donna trovata sotto le macerie di Amatrice

  • Sport

    Piacenza, debutto di fuoco in Toscana. A Lucca sarà subito battaglia

  • Sport

    Piacenza, debutto di fuoco in Toscana. A Lucca sarà subito battaglia

I più letti della settimana

  • Militanti in fuga dalla Lega Nord: «Ci siamo illusi, troppe beghe interne»

  • «No a kebab e minimarket etnici nei centri storici. Cosa vuole fare la giunta?»

  • Terremoto nel centro Italia, parte una raccolta fondi per Illica

  • Putzu (Fi): «Nessuna lungimiranza sulla nuova piscina»

  • Cooperazione internazionale, Foti: "Sperperato quasi un milione di euro"

  • «A Montale i marciapiedi sono poco curati»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento