A Vernasca movimenti franosi vicino al centro rifiuti, Foti: «Necessarie verifiche»

Foti (consigliere regionale Fdi-An): «Prima di procedere all'assegnazione del contributo di 60mila euro al Comune piacentino di Vernasca la Giunta regionale deve accertare che il movimento franoso adiacente al centro di raccolta rifiuti comunale abbia avuto inizio realmente nell'ottobre del 2014»

Tommaso Foti

In una interrogazione alla Giunta Tommaso Foti (Fdi-An), citando la notizia in cui si affermerebbe che "L'area su cui è stato realizzato il centro sarebbe, da tempo, interessata da frane", chiede: «Prima di procedere all'assegnazione del contributo di 60mila euro al Comune piacentino di Vernasca la Giunta estragga copia sia della determinazione dirigenziale 73 (affidamento di un incarico professionale a un tecnico per la redazione di una relazione sulle cause del movimento franoso), sia delle risultanze conseguenti, al fine di accertare che il movimento franoso adiacente al centro di raccolta rifiuti comunale abbia avuto inizio realmente nell'ottobre del 2014. E comunque, disponga al riguardo verifiche, se non altro per riscontrare se l'area sulla quale è stato realizzato il centro fosse già classificata, prima della sua progettazione e quindi costruzione, come franosa dalla carta geologica regionale».

Con la delibera 12/2012, si legge nel documento, la Giunta comunale di Vernasca approvava il progetto preliminare per la realizzazione del centro di raccolta rifiuti urbani differenziati, poi costruito nel 2013, per un impegno di spesa di circa 176mila euro. Ma già nel 2014, sottolinea il consigliere «Si registravano alcuni movimenti franosi che coinvolgevano la strada di accesso e, successivamente, il lato a valle del piazzale sovrastante il centro di raccolta rifiuti».

Come rileva il capogruppo Fdi-An, nel piano della protezione civile, riguardante le avversità atmosferiche dell'ottobre 2014 «Veniva inserito anche l'intervento di messa in sicurezza per il ripristino del movimento franoso che ha interessato l'area del centro di raccolta rifiuti, ancorché non finanziato. E con la determinazione 73/2015 - chiude Foti - il responsabile del Servizio tecnico affidava un ulteriore incarico professionale a un tecnico per la redazione di una relazione sulle cause del movimento franoso».

Tutti gli atti consiliari – dalle interrogazioni alle risoluzioni, ai progetti di legge – sono disponibili on line sul sito dell'Assemblea legislativa al link http://www.assemblea.emr.it/attivita-legislativa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

  • «A Piacenza nessun caso di Coronavirus. Piacentini stiano tranquilli, a breve un numero dedicato all'emergenza»

  • Coronavirus, ricoverato l'infermiere di Codogno che era venuto in contatto con il 38enne contagiato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento