sabato, 01 novembre 12℃

“Occhio alla spesa” porta in tavola prelibati prodotti del territorio piacentino

I salumi piacentini DOP protagonisti della nota trasmissione di Raiuno

Irene Palladini 3 dicembre 2010

Si è parlato di Piacenza e della sua eccellenza per quanto riguarda i salumi DOP, oggi durante la trasmissione “Occhio alla spesa” di Raiuno, condotta da Alessandro di Pietro.
Mauro Rosati, segretario generale della Fondazione Qualivita e ospite ogni venerdì della trasmissione, ha elogiato i prodotti dei salumifici piacentini nella rubrica “La spesa DOP”, che  porta nelle case degli italiani informazioni dettagliate e curiosità sulle eccellenze delle aziende agroalimentari italiane.

Il cardinale Alberoni tra gli amanti dei prodotti piacentini -
Nell’intervento di Rosati anche un curioso richiamo storico, riferito ad una eminente personalità piacentina: il cardinale Giulio Alberoni, che per un certo periodo ricoprì una importante carica politica presso la corte spagnola. Rosati ha ricordato come fin dai quei lontani giorni del Settecento i prodotti di Piacenza costituissero una vera e propria prelibatezza, al punto che il cardinale Alberoni usava inviarli in omaggio agli uomini politici dei Paesi con cui intratteneva rapporti diplomatici. Questi omaggi, estremamente graditi, favorivano il buon esito delle trattative e la stipula di vantaggiosi accordi.
«Cardinale, si ricorda quella coppa che mi ha fatto assaggiare? Bene, dimenticherò i nostri disaccordi se me la farà avere...» – ha commentato allora scherzosamente Alessandro di Pietro. «Insomma, una coppa piacentina al posto di una guerra!», ha concluso il conduttore della trasmissione, suscitando il sorriso degli spettatori, ma sottolineando anche il potere pacificatorio di un cibo tanto gustoso e sopraffino.

Piacenza al primo posto in Europa -
«Piacenza detiene il primato in tutta Europa per quanto riguarda la produzione di salumi DOP – ha continuato Rosati dopo la “digressione” storica – ed ha una grande tradizione in questo settore.
Le trentadue aziende produttrici presenti nel territorio piacentino vantano prodotti conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo, veri e propri testimonial internazionali dell’eccellenza della cucina italiana».

La pancetta? Un capolavoro! -
Ma quali sono i prodotti più ricercati? Sicuramente la coppa, che richiede una stagionatura di circa sei mesi e che oggi viene proposta anche come insolito ingrediente in piatti estremamente raffinati; ancora, non si può dimenticare la pancetta, che nelle versione arrotolata, con guarnizioni di spezie, rappresenta un vero capolavoro anche per quanto riguarda la tecnica della preparazione, che deve essere accuratissima per evitare ogni possibile infiltrazione di aria.
E infine, come non ricordare il salame piacentino, dalla tipica grana? Si tratta di un salame magro, al di sotto del 30% di grasso – ha ricordato Rosati- e necessita di essere assolutamente impastato da abili mani, senza alcun intervento delle macchine, e successivamente stagionato per 45 giorni.
 

Annuncio promozionale

cultura

Commenti

    Eventi Oggi | Domani | Weekend