Apre un ambulatorio dedicato ai lavoratori già esposti all'amianto

L’ambulatorio è attivo presso la stanza 3.09 del dipartimento di Sanità Pubblica, a piazzale Milano 2: vi si accede presentandosi personalmente o prenotando telefonicamente al numero 0523.317804 tutti i lunedì dalle ore 9 alle 12

Lunedì 17 dicembre apre, all’interno dell'unità operativa Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, un ambulatorio dedicato all’assistenza informativa e sanitaria per i lavoratori che durante la loro vita lavorativa siano stati esposti professionalmente all’amianto. L’obiettivo è quello di garantire gratuitamente l'assistenza a questi soggetti, che possono accedono spontaneamente e raccogliere le informazioni necessarie per la definizione e gestione del più appropriato percorso di sorveglianza sanitaria post esposizione.

· L’ambulatorio è attivo presso la stanza 3.09 del dipartimento di Sanità Pubblica, a piazzale Milano 2: vi si accede presentandosi personalmente o prenotando telefonicamente al numero 0523.317804 tutti i lunedì dalle ore 9 alle 12.

· Il servizio è rivolto ai lavoratori ex esposti ad amianto residenti nella provincia di Piacenza. I soggetti interessati possono essere dipendenti o autonomi, pensionati o occupati in altre realtà o in condizioni di sospensione o disoccupazione. Possono essere sani o già affetti da patologie correlate all’amianto.

· Ai soli fini della definizione dell'esposizione, all’ambulatorio possono rivolgersi anche i non residenti in provincia di Piacenza, se l’esposizione all’amianto è avvenuta in aziende del territorio.

Come funziona il servizio?

1. Inizialmente viene fatta una valutazione accurata dell’attività lavorativa svolta, per individuare e caratterizzare i periodi di esposizione, in particolare per il polmone e le vie respiratorie.

2. Segue una prima visita medica eseguita da un medico del Servizio, che potrà richiedere l'esecuzione di un esame spirometrico basale e di un esame radiologico del torace. Tutti gli accertamenti sono gratuiti; anche in caso di patologia, ulteriori indagini diagnostiche saranno coperte da specifica esenzione. 

Nel contempo, il lavoratore viene informato sui rischi per la salute derivanti dalla passata esposizione ad amianto e sugli interventi attuabili con l’adozione di stili di vita salutari. Gli operatori forniscono anche indicazioni sugli aspetti e procedure amministrative e previdenziali per il riconoscimento del danno e degli eventuali effetti aggravanti, se la persona ne ha i diritti. 

3. Nel caso di mesotelioma pleurico maligno, la persona viene inserita nel percorso diagnostico terapeutico e assistenziale dedicato. 

L’apertura dell’ambulatorio dedicato s’inquadra nell’ambito delle iniziative previste dal piano regionale sull’amianto (DGR 1945/2017), poi declinato dalla DGR 1410 del 3 settembre 2018. Nella seconda metà di gennaio è previsto un incontro informativo sul tema che vedrà coinvolti i soggetti sociali interessati. 

Potrebbe interessarti

  • Ricette piacentine: i pisarei e fasò

  • «Centro diagnostico Rocca, eccellenza medica privata a supporto del sistema pubblico»

  • Perino e la curiosa storia della località "Due Bandiere"

  • Drink insoliti: che cos’è il bubble tea?

I più letti della settimana

  • Gianpaolo Bertuzzi muore nel suo camper in fiamme

  • La Polizia Stradale fa un controllo sull’A21 Piacenza-Cremona e spunta David Hasselhoff

  • Invade la corsia opposta, si schianta contro due auto e rimane incastrato: è gravissimo

  • Prende a martellate la moglie, poi si accoltella al cuore: muore ex macellaio di Piacenza

  • Autopsia e test del Dna, indagini sulla morte di Gianpaolo Bertuzzi

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nel campo, è gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento