Come aiutare i nostri amici a 4 zampe, il pronto soccorso veterinario per le urgenze

Complice la maggiore sensibilità nei confronti degli animali domestici, in Italia da diversi anni esistono diverse strutture di pronto soccorso, anche notturno, per i nostri amici a quattro zampe. Ecco alcuni dei loro servizi

Complice la maggiore sensibilità nei confronti degli animali domestici, in Italia si stanno diffondendo strutture di pronto soccorso, anche notturno, per i nostri amici a quattro zampe. Questi offrono servizi di fondamentale importanza utili al benessere dei nostri cuccioli.

Casi in cui rivolgersi al veterinario con urgenza

Ma quando rivolgersi a queste strutture? Ecco alcuni esempi di patologie che devono essere trattate tempestivamente:

- traumi acuti (investimenti d'auto, traumi da morso, cadute dal balcone);

- animali in condizioni di shock;

- animali con difficoltà respiratoria;

- reazioni allergiche;

- torsione gastrica;

- mancata produzione di urine;

- ingestione di corpi estranei;

- avvelenamento;

- convulsioni.

In estate, inoltre, i pericoli per i nostri animali sono rappresentati da punture di insetti (vespe, calabroni), contatto con processionarie o altri animali velenosi (rospi, vipere), colpo di calore (evitate di esporre il cane nelle ore più calde o a situazioni potenzialmente pericolose, come le soste, anche brevi in auto).
In caso di dubbi contatta subito il tuo veterinario o una struttura di riferimento.

Assistenza notturna

Se hai un'emergenza, magari notturna, i servizi di pronto soccorso veterinario fanno al caso tuo. Ci sono diverse strutture di pronto soccorso per cani e gatti presenti su tutto il territorio nazionale. E' possibile accedere sia a strutture aperte 24 ore su 24 (pronto soccorso veterinario privato) per le urgenze sia a servizi di reperibilità forniti da una o già strutture  private che collaborano in un territorio: chiedi informazioni al tuo veterinario!
Numerose strutture forniscono anche un servizio di urgenza per animali esotici e non convenzionali, come conigli, furetti e pappagalli.

Partire sereno
Portare il proprio animale in vacanza è ormai all'ordine del giorno e sempre più strutture alberghiere e locali accettano di buon grado i cani.
Ma come partire in serenità?
Informarsi preventivamente dal proprio veterinario per sapere se sono necessari accorgimenti particolare (passaporto e vaccinazione antirabbica per l'espatrio o profilassi mirata per Leishmania). 
Informarsi anche se sono richiesti trattamenti o documenti dalla struttura di alloggio o dal luogo di villeggiatura.
Individuare veterinari, che effettuano pronto soccorso, nella zona di soggiorno può aiutarvi a viaggiare più sereni.
Viaggiate sempre con tutto il necessario (ricordate: ancora di più con il caldo, acqua a disposizione), partendo da eventuali terapie che deve seguire il vostro amico a quattro zampe. 

Come prendersi cura della salute del tuo amico quotidianamente

Affidarsi alle cure del proprio veterinario è il punto di partenza. Già dall'acquisto o dall'adozione di un nuovo amico si potrà fare una visita clinica che aiuterà a capire lo stato di salute del vostro compagno e permetterà di valutare ulteriori interventi come:

esame feci/sverminazione;

protocollo vaccinale;

prevenzione filariasi cardio-polmonare;

prevenzione della leishmaniosi;

uso regolare di antiparassitari (ectoparassiti);

visita ortopedica/radiografie preventive;

per taglie piccole/toy: visita odontoiatrica;

alimentazione adeguata.

Pronto soccorso veterinario a Piacenza

QUI trovate un elenco delle strutture presenti nella nostra città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Quattro feriti nel frontale sulla Provinciale: auto a canale e pick-up ribaltato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento