← Tutte le segnalazioni

Altro

«Caduto in moto per colpa dei pomodori a terra sulla rotonda. Servono provvedimenti»

Redazione

Via Fratelli Solari · Podenzano

Vorrei segnalare dei pomodori in una rotonda verso Gariga. Tanti pomodori che rendono la strada scivolosa ed infatti ero con la mia moto a dir tanto a 30km/h e sono rovinato sull'asfalto… ma è possibile che gli autisti se ne freghino altamente di quello che combinano rischiando di causare degli incidenti? Fortunatamente non mi sono fatto nulla ma poteva andare peggio. La cosa brutta è che, anche segnalando l'accaduto alle forze dell'ordine, non si può fare nulla perché è impossibile risalire al "simpatico autista" a meno che non lo si colga sul fatto. Ogni anno è così e tutti se ne fregano.
Bisogna sensibilizzare le aziende di pomodori prima che ci scappi il morto. Prevenire è meglio che curare. Intanto i danni alla moto me li pago io però.

Segnalazioni popolari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • se il trattore o il camion fosse andato più piano i pomodori non sarebbero caduti .. se il motociclista fosse andato più piano non sarebbe caduto .. le rotonde si fanno ai 30 all'ora ...

  • Mi unisco all'appello del malcapitato centauro, oltre che per confermare quanto da lui asserito, per rincarare la dose: il manto stradale è viscido ed insudiciato dai riversi e liquidi dei carichi misto a terriccio su tutto il tratto della SP654 dalla rotonda appena fuori Piacenza (Strada ValNure/Corso Europa) sino all'abitato di Grazzano Visconti incrocio per Niviano (ovvero circa 11Km). Dato che il problema è circoscritto ad un periodo limitato dell'anno, ovvero i mesi da Luglio e metà Settembre circa, e dato che "gli agricoli" hanno innata questa propensione ad ignorare le regole del CdS e/o dimostrare un grossolano metro di giudizio nel rispettarle (ad esempio carichi sporgenti o precari, caduta e dispersione del carico sulla sede stradale, cingoli gommati o pneumatici pieni di terriccio e sassi con cui insudiciano pericolosamente Km di strada e via discorrendo), visto che invocare controlli dell FdO ormai è uno sport che serve solo a sprecar fiato (non ci sono mezzi, non c'è personale, sono di turno altrove, non ci sono risorse suffìcienti) io rigiro il problema e propongo una soluzione: OBBLIGARE tutte le realtà coinvolte a coordinare e farsi carico dell'attività di PULIZIA STRADALE GIORNALIERA (casomai notturna per non intralciare il traffìco) con mezzi deposti a farlo. Con tutte le realtà coinvolte identifìco gli impianti industriali da e verso cui si dirigono i mezzi agricoli carichi/scarichi (nel caso ARP/Casalasco di Gariga), le associazioni che riuniscono le aziende agricole coinvolte nelle "campagne di pomodoro" ed ovviamente le competenze territoriali ovvero la Provincia di Piacenza (è una strada provinciale) ed il Comune di Podenzano. Queste dovrebbero definire un piano e trovare i relativi finanziamenti, per assicurare l'attività di sgombero/pulizia/bonifìca quotidiana dalla sede stradale e delle sue pertinenze nel periodo "di picco" dei transiti dei carichi, così da sopperire o comunque circoscrivere il problema, data la conclamata inconcludenza degli appelli a chi dimostra da lustri poco buon senso (per non dire inciviltà); perchè seppur intenti a svolgere un lavoro "duro", sono comunque tenuti al rispetto della sicurezza altrui, del CdS e del decoro urbano. Se poi vogliono anche inasprire i controlli ed iniziare a fermare e multare chi viola le regole, tanto meglio: i proventi dei verbali servirebbero a contribuire alla copertura dei costi di pulizia.

  • Tutta la mia solidarietà al malcapitato. E' capitato anche a me sia in moto che in bici. Io sapevo che chi sporca la strada pubblica la deve pulire. Ora si trovano pomodori oppure terra e sporco quando i mezzi agricoli escono dai campi, quest'anno è anche "andata bene" che non ha piovuto, ma negli anni passati ho trovato strade ridotte in modo scandaloso piene di terra e fango e non pulite. Io qualche volta ho provato a chiamare la polizia provinciale ma non mi è parso sia successo nulla.

  • Eh già, perchè i motociclisti vanno esclusivamente vessati di multe, tartassati di controlli durante i fine settimana e additati come una categoria di scriteriati che circolano per la strada, facendone di tutta l'erba un fascio. Non si considera che tra di loro c'è anche qualcuno che la moto o lo scooter li usano per lavoro e magari circolano come si dovrebbe. E non si pensa che costoro mentre guidano per la strada rischiano continuamente la vita per le disattenzioni altrui. Le strade sono invase di camion e trattori con i rimorchi colmi ben oltre il consentito di pomodori o sabbia, ed entrambi se versati per terrano sono molto pericolosi per chi fa dell'aderenza e della stabilità le uniche speranze per arrivare sani e salvi a destinazione. Per non considerare i trattori che arano, seminano o concimano e poi non puliscono le gomme (come invece è previsto dal cds) ed invadono le carreggiate di terra! Due settimane fa è successa la stessa cosa a me ed un mio amico: rotonda invasa di sabbia, velocità non oltre i 30 km/h e patatrac. Anche nel nostro caso anas e polizia municipale ci hanno fatto "ciao ciao" con la manina, ed i danni sono a carico nostro. Fintanto che vengono impiegati 3, o peggio ancora 4, agenti della municipale per fare i rilevamenti della velocità in posti ridicoli e non li si manda per strada a controllare chi attenta alla vita altrui o guida con lo smartphone in mano, saremo sempre un paese che pensa a far cassa e non all'incolumità dei propri cittadini.

Segnalazioni popolari

Torna su
IlPiacenza è in caricamento