← Tutte le segnalazioni

Altro

«Troppo bassa l’adesione delle guardie giurate allo sciopero. C’è amarezza»

"Di recente ho letto un articolo provocatorio, del presidente dell’Associazione Guardie Particolari Giurate, Giuseppe Alviti. L’articolo in questione postato su Facebook, ha fatto scatenare il popolo delle Guardie Giurate, con discussioni e protesta tra gli appartenenti alla categoria, la proposta esplicita riportata dall’articolo è quella di disarmare le Guardie Giurate, mantenendo però solo il decreto prefettizio e al posto dell’arma, eventualmente equipaggiare le stesse Guardie Giurate, con uno spray antiaggressione ecc. ecc. Facendo un’acuta e attenta riflessione, mi chiedo come mai questi “leoni da tastiera”, pronti a sbranare chiunque scriva e/o dica qualcosa di provocatorio contro la nostra categoria, non siano allo stesso modo così decisi, quando si tratta di lottare per il rinnovo del nostro Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, scaduto a dicembre 2015. Con mio rammarico e stupore, vedere che nelle ultime due giornate di sciopero nazionale indetto dalle Segreterie Nazionali di Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL, del 1 e 2 febbraio, si riscontri su tutto il territorio un’adesione di 3000/4000 addetti, rispetto alle 70mila unità che comprende il settore, questo certamente mi lascia l’amaro in bocca e mi fa pensare che tutto sommato, alle Guardie Giurate non interessi molto avere: una legge che risponda alle moderne esigenze dei lavoratori della Vigilanza Privata, più sicurezza, più tutele e uno stipendio che ci permetta di vivere dignitosamente. A questo punto devo quindi dedurre, che abbia fatto più CLAMORE l’articolo sopracitato, che le due giornate di sciopero. Che dire…perplessità ingiustificata?".

 Angelo Sifrido Mancin

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
IlPiacenza è in caricamento