← Tutte le segnalazioni

Altro

«Ancora troppi ciclisti contromano a Piacenza, e nessuno li multa. Servono provvedimenti»

Il 21 dicembre del 2017 è stata recepita l'ordinanza che sancisce il divieto assoluto per le biciclette di procedere contromano su tutto il territorio urbano. Dal quella data ad oggi, però, nulla è cambiato e nulla cambierà se non si prendono seri provvedimenti. Tutti i giorni o sere, indifferentemente, i ciclisti continuano imperterriti e impuniti a circolare contromano con altissimo rischio di incidenti. Se per caso o per dovere civico fai presente del divieto a qualche ciclista (uomo o donna indifferentemente) iniziano le parolacce e i gestacci nei confronti degli automobilisti. Loro credono ancora di essere nel giusto visto che né polizia, né carabinieri e tanto meno i vigili urbani si degnano di farlo presente ai ciclisti o di sanzionarli. Quanto dobbiamo aspettare affinché l'ordinanza sia rispettata?

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • vero ma se non si multano gli automobilisti come si pretende di multare i ciclisti questo non lo capisco.Abbiamo automobilisti al cellulare,auto parcheggiate dove si vuole e voi pensate hai ciclisti contro mano ma non è che vi danno fastidio perchè state al cellulare mentre guidate?? e per vostra fortuna non venite multati??

  • Più passa il tempo e ci avviamo verso l'estate....più aumentano i ciclisti che viaggiano non solo contromano ma anche giù di mano (viaggiano a sinistra invece che a destra).Ho visto tantissime volte le pattuglie dei vigili (in auto e non) incrociare i ciclisti e di non fare nemmeno un cenno nei confronti dei ciclisti. Cosa dobbiamo aspettare? Che ci scappa il ferito oppure il morto?

  • i geniacci dell'amministrazione precedente hanno avuto questa bella pensata ammantata di falsa "ecologia" nella mobilità, contiamo anche le ciclabili assurde tipo viale malta dove ormai a piedi non è più possibile transitare e dulcis in fundo il marciapiedi di via Beverora trasformato in ciclabile, mentre se vuoi camminare tranquillamente (diciamo ordinaria funzione del marciapiedi) devi rasentare il muro e stare in fila indiana, patetico scempio e abuso delle aree pubbliche che tutti paghiamo ma che sono a diposizione di cafoni e prepotenti. Ma quanta ingnoranza in mala fede. Vedo però che la nuova giunta non muove un dito, passato il voto, tutti in poltrona e che i cittadini si arrangino.

  • Bisogna dare qualche basta perbenismo falso extracomunitari tanto non pagano

  • Ancora ieri sera, uscendo da trasversale di Via Veneto, pur usando prudenza, ho rischiato di far cadere ciclista che oltre a non seguire il senso di marcia , sfrecciava a velocità elevata. Nel momento che l'ho visto era già in mezzo al passaggio.Fortunatamente non è successo nulla ma ,bisogna contare su ottimi riflessi da ambo le parti.

  • E pensare che qualche genio aveva autorizzato la circolazione contromano!

  • concordo, io sono un ciclista, il problema si riscontra anche in via Dante, via Veneto ecc.. dove biciclette vanno controsenso, esempio da via Campi o altre traverse escono e imboccano in contromano la pista ciclabile, in Svizzera e altri stati danno la multa

    • concordo anch'io: quando si emettono ordinanze occorre anche farle rispettare. Oltre alla necessità di quell'ordinanza, occorre anche considerare che se si stabilisce un divieto, ma non lo si fa rispettare SI PERDE in CREDIBILITA'.

Segnalazioni popolari

  • Grandine alla centrale Enel di Castelsangiovanni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento