Fiorenzuola, Marvulli e Marguet primi leader della Sei Giorni delle Rose

Subito in testa una delle coppie più attese, quella composta dagli svizzeri Franco Marvulli e Tristan Marguet (Ferri), che precedono gli altrettanto quotati Alois Kankovski e Milan Kadlec (Jachymov).

La premiazione

Al velodromo "Attilio Pavesi" di Fiorenzuola si è alzato ufficialmente il sipario sulla quindicesima edizione della Sei Giorni internazionale delle Rose. Subito in testa una delle coppie più attese, quella composta dagli svizzeri Franco Marvulli e Tristan Marguet (Ferri), che precedono gli altrettanto quotati Alois Kankovski e Milan Kadlec (Jachymov). Il podio è completato dai coriacei russi Leonid Krasnov e Nikolay Zhurkin (Rosti). Siamo comunque alle prime schermaglie e, benché le formazioni che occupano i primi posti siano tra quelle le più accreditate alla vigilia, la strada da percorrere è ancora lunga. 

La serata inaugurale ha riservato subito emozioni, anche perché i protagonisti della Sei Giorni 2012 si sono confrontati subito nella prova più spettacolare, l'Americana. Sulla distanza di 80 giri di pista, sono quindi emersi i valori in campo, anche perchè l'avvio di gara è stato molto veloce. I primi due traguardi parziali sono stati conquistati dalla coppia in maglia Ferri: alla volata vincente di Tristan Marguet (che, al debutto, si è presentato nel migliore dei modi al pubblico di Fiorenzuola), ha fatto seguito l'acuto di Franco Marvulli.E' stata poi la volta del giovane Nicolò Bonifazio (Fiorenzuola), quindi di Alois Kankovsky (Jachymov), Franco Marvulli (Ferri), Sergey Lagkuti (Punto Zenith) e Tristan Marguet (Ferri). Con il tandem Marvulli-Marguet ormai inattaccabile in testa, l'ultimo sprint vale solo per il podio e il successo di Nicolò Bonifazio ha issato la coppia targata Fiorenzuola (completata da Angelo Ciccone) sul secondo gradino.

Terzi i cechi Alois Kankovski e Milan Kadlec (Jachymov). Nel successivo Giro lanciato, ancora Marvulli-Marguet davanti a tutti, con il tempo di 21.878 (media 64,832 km/h). Alle loro spalle, i russi Leonid Krasnov e Nikolj Zhurkin (Rosti), in 22.050. Terza piazza per i cechi Alois Kankovski e Milan Kadlec (Jachymov). Chiusura con la Serie Sprint a coppie (con punti che finiscono direttamente in classifica generale). Tra i numeri neri, vanno a segno Alberio (Conad), Zhurkin (Rosti), Kankovsky (Jachymov) e Marguet (Ferri), mentre tra quelli rossi piazzano sprint vincenti East (Mori Onofrio), Krasnov (Rosti), Marvulli (Ferri) e Hochmann (Acef). 

La maglia bianca di leader Siderpighi finisce quindi sulle spalle degli svizzeri Marvulli e Marguet (Ferri), veri dominatori della giornata inaugurale, con 50 punti, seguiti da Kankovski-Kadlec (Jachymov) con 33 punti, e da Krasnov-Zhurkin(Rosti) con 30 punti. Le gare giovanili di contorno disputate nella serata odierna e valide per i «Boccioli di Rose» (che si concluderanno giovedì) hanno visto classificarsi primi nelle graduatorie generali parziali Alessio Fazzolari (Ciclamanti Senago) negli Allievi, Giulia Nanni (Viner Factory) nelle Donne Allieve, Federico Turci (Cadeo Carpaneto) negli Esordienti e Daniela Alfani (Fidenza Tre Colli Etrusca) nelle Donne Esordienti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Omicidio Pierini, chiesto il rito abbreviato per il nipote

    • Cronaca

      Finisce fuori strada, non aveva mai preso la patente

    • Cronaca

      Rubano energia elettrica nell'ex mercato ortofrutticolo, 5 profughi denunciati

    • Cronaca

      Offre un lavoro inesistente in cambio di soldi, due nigeriani truffati

    I più letti della settimana

    • I quattro schiaffi della Racing Roma. Tonfo clamoroso del Piacenza

    • Rammarico per il Piacenza, subisce la rimonta del Livorno: 2 a 2 al Picchi

    • Dal nulla spunta Musetti. Il Pro Piacenza si salva contro la Giana

    • Mondiali assoluti in vasca corta: Carini 13esimo nei 200 farfalla, finale sfiorata per otto decimi

    • Magia di Hasbrouck, l'Assigeco espugna Ferrara

    • Dalla paura alla festa: la Vigor Carpaneto sfata il tabù-Fiorano (1-2)

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento