martedì, 16 settembre 16℃

/~shared/avatars/68120910773942/avatar_1.img

Andrea

  • Piacenza
Segui Contattami
Andrea

Andrea ha commentato:

" Parassiti e Crapa, facevano meglio ad andare a mangiare una pizza in centro... Rendevano un maggior contributo all'umanità. E spendevano quei 20 euri cad., sostenendo un pò l'economia piacentina.
Di questi ritrovi di repressi ed evirati mentali, onestamente, ne faremmo volentieri a meno. Il verbo propagandato da questa gente insulsa, ci ha portato a questa società schizofrenica, avulsa dalla realtà, incaxxata con tutto e tutti, slegata da ogni valore, incapace di elaborare un proprio pensiero. Ripetono a paperella gesti e frasi che assorbono come spugne da media ed internet. Vestono e parlano per emulazione. Addirittura uccidono per emulazione (vedi la nuova moda di decapitare e fare a pezzi).

Degli eterni infanti, in un mondo - oggi - più che mai triviale e retrograde.
A tutto questo, coloro che hanno parlato a questo meeting, contrappongono lagne da predica del prete alla domenica mattina, cantilene da "bacia-banconi" e catechismo becero. Probabilmente, anzi certamente, a loro volta ripetendo i "dettami" inculcati a loro da questo sistema delirante, che in meno di 30 anni ha devastato diverse generazioni creando una mandria di inconsapevoli ed incapaci. "
in

«Il perdono è l'alternativa e la soluzione ai nostri conflitti di ogni giorno»

l'altro ieri, 20:58 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Delle due l'una: o si legalizza e regolamenta la prostituzione in Italia (anzi, gli troveranno un termine più "politicaly correct", come "persona di compagnia"), oppure si adotta il modello USA. E' reato prostituirsi (con denuncia, ammenda, reclusione e carcere; oggi in Italia si viene solo segnalati in questura, raramente multati; spesso restano in loco, neanche vengono allontanate/i), è reato pagare chi si prostutuisce per avere rapporti (in Italia si parla di favoreggiamento/induzione alla prostuzione, ma è solo una denuncia e/o multa) e ovviamente chi vi lucra e sfrutta (sfruttamento della prostuzione, etc). Tutte situazioni da "mano pesante", a partire da una forte vigilanza sul territorio, per riqualificare certe zone NON TOLLERANDO PIU' (ovvero allontanamento o arresto) la presenza a bordo strada - in luoghi di ogni tipo - delle gentil donzelle, in attesa dei clienti. "
in

Prostituzione, Foti e Pollastri: «Serve una vera azione di contrasto e meno spot»

sabato, 6 settembre 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Certo, a volte sono caustico in alcuni commenti ma (a parte il fatto che la redazione non di rado non me li pubblica o li censura) non credo in vita mia di aver mai augurato a qualcuno la morte; tantomeno in forma scritta.
Quello che volevo dire nel mio primo commento è che prima di scrivere "nero su bianco" certe frasi, io ci starei attendo. Come a "dare corda" a queste esternazioni scritte e detta "a pancia" (come ho già detto, sull'onda emotiva degli eventi), perchè si fa presto poi a trovarsi una denuncia per calunnia, minacce, istigazione o altra apologia di reato. Sarebbe grottesco vedere il legale del responsabile di questo gesto (se mai sarà individuato), presentar denuncia contro i padroni del cane e chi altro coinvolto in questa campagna (per ora in forma scritta) vendicativa.

Anche perchè, miei cari signori, se bisogna giustifìcare le vostre uscite vendicative e triviali, dall'altra diventa più difficile distinguersi dalla pochezza morale di chi ha compiuto questo gesto, il cui punto di vista è che la vita di un cane vale poco o niente e, sa dà disturbo, lo si può ammazzare a bastonate. Io non la penso assolutamente così e sono certo pure voi. Ma proprio per separare i pensieri riflessivi e razionali da quelli di menti meno sviluppate e ragionevoli, occorre essere poi coerenti. Solidarizzare è una cosa, dar sfogo a istinti repressi è un altro. E quando ci sono storie come questa, molta gente apparentemente pacata e riflessiva, si trasforma nella propria versione di "Mister hyde".
Vedasi storia del tassista di Roma e quei due giovani che l'hanno massacrato di botte.

Lo ribadisco: piena solidarietà ai padroni del cagnolino; massimo rispetto per le attività di indagine delle forse dell'ordine. E massimo biasimo e condanna per chi ha compiuto questo gente, ma anche per chi scade in commenti discutibili e chi li amplifìca mediaticamente. "
in

Cagnolina accecata con un colpo di mattone in testa. I proprietari: all'autore auguriamo lo stesso

giovedì, 14 agosto 12 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" E' fuori discussione che il responsabile di questo episodio vada moralmente e legalmente condannato.
Ma è altrettanto sconveniente, discutibile e NON condivisibile quando "augurato" (o per meglio dire dichiarato) dai proprietari del cane ferito.
E partitamente trovo sconveniente questo articolo e pubblicizzare l'aspetto "emozionale" (vendicativo) esternato dai padroni. Credo che sarebbe stato possibile condannare questo increscioso gesto e rimarcare la gravità di quanto accaduto, senza scadere in questi "estremismi", anche emotivi.

Ai padroni della piccola "Luna" va la mia solidarietà più sincera, da fiero possessore di un cagnolino (da 5 anni) ed un gatto (da 3).
Alle istituzioni va il mio rispettoso invito a trovare e punire il responsabile, una volta accertata l'eventuale colpa e dolo. Come dev'essere per qualsiasi reato. "
in

Cagnolina accecata con un colpo di mattone in testa. I proprietari: all'autore auguriamo lo stesso

martedì, 12 agosto 12 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Penso che a livello stradale sia migliorativo, mentre ritengo non lo sia per l'aspetto ciclo-pedonale, soprattutto visto la presenza di studenti.
Credo che per la sicurezza di tutti (ovviamente in primis studenti e genitori che attraversano) sia più sicuro il semaforo con "luce verde" per il transito pedoni, rispetto le sole strisce.
Ho sempre pensato che in presenza di scuole/istituti/etc sia più sicuro "rallentare" e alternare il transito auto/pedoni con un semaforo. Credo sia più sicuro rispetto alle rotonde, dove molti si concentrano principalmente nel dar la precedenza alle auto e non badano a pedoni e ciclisti (anche perchè spesso quest'ultimi si buttano senza guardare sulle strisce, senza tanti complimenti, soprattutto 'sti ragazzi con ipod, cellulari e cuffiette a go-go). "
in

Spento il semaforo in via IV Novembre per far spazio alla rotonda

lunedì, 11 agosto 2 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Attendiamo che le autorità ricostruiscano la dinamica esatta, ma le foto sembrano raccontarne una sostanzialmente diversa rispetto a quella descritta nell'articolo.
Se ci fate caso, il lato sinistro del muso della motrice presenta chiari segni di impatto. Questo dettaglio, avvalorerebbe l'ipotesi che la motrice si sia immessa mentre sopraggiungeva l'Audi, con quest'ultima che non avrebbe tamponato ma bensì impattato contro il muso (lato sx) della motrice. Ovvero, la motrice avrebbe tagliato la strada alla vettura che sopraggiungeva; forse complice il buio e la velocità dell'Audi, l'autista della motrice non avrebbe dato la precedenza, trovandosi in svolta in mezzo alla careggiata mentre transitava la vettura del Bramieri.
In ogni caso, è chiaro che si tratta di una fatalità; lasciamo a chi di competenza il compito di individuare eventuali responsabilità.

Esprimo le mie sincere condoglianze alla famiglia Bramieri. "
in

Violentissimo scontro nella notte tra un'auto e un tir a San Nicolò: muore un 50enne

sabato, 2 agosto 3 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Chiedo a te, che sei indirettamente coinvolto, visto che nessuno ha saputo darmi risposta (anche nelle varie figure dell'azienda di trasporti) sul perchè i denari vengono lasciati nelle emettitrici alla fine del turno (lasciandole nelle vetture parcheggiate nei depositi), anzichè venir vuotate ed il denaro raccolto posto in cassaforte/cassette di sicurezza, in un luogo consono e sorvegliato.
In buona fede, voglio pensare una ragione ci sia, ma io non riesco a capirla.
E siccome siamo all'ennesimo furto, con danni importanti alle vetture ed alle emettitrici (oltre al denaro sottratto), a maggior ragione la domanda diventa impellente.

Qualcuno ce lo spieghi. Grazie in anticipo. "
in

Colpo nel deposito di Seta in via Arda: svuotate le emettitrici su 14 autobus

sabato, 17 maggio 9 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Se non è (autonomamente) assicurato con la formula "furto incendio", temo nessuno.
O meglio, paga il proprietario se decide di ripararla :D sennò, se la tiene così o paga per demolirla.
Non credo che l'assicurazione del Lidl riconosca l'evento come parte del furto nei suoi locali, visto che il furto dell'auto è avvenuto addirittura nel piazzale di un altro supermercato.
Poi gli assicuratori sono esperti a fare "i gechi" (aka, arrampicarsi sugli specchi) per non pagarti. Troveranno sicuramente una scusa. "
in

Terrore al Lidl di via Cerati: bandito spara, ruba un'auto e scappa ma si ribalta in un fossato

sabato, 17 maggio 8 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Io non c'ero, quindi posso solo ipotizzare sulla base di quello che leggo nell'articolo, delle foto, della conoscenza del luogo e della viabilità in quel tratto e, infine, dai "rilievi oggettivi" passandoci. E posso annotare che da un paio di giorni è "parcheggiato" (in uno spiazzo a 10m dal luogo dell'incidente) un rimorchio agricolo rosso, leggermente piegato su un lato e con la ruota sinistra sbrindellata.
Questo avvallerebbe la collisione della 156 con il mezzo agricolo (come riportato nell'articolo), come fanno sospettare anche le ammaccature e strisce visibili nella seconda foto sulla parte posteriore destra della vettura.

La testimonianza dei ragazzi che citi tu, di fatto, non è in contraddizione con quanto da me affermato, nè con la ricostruzione di cui sopra, ma solo un'interpretazione diversa.
Infatti, se vogliamo, le "sbandate" che dici in realtà sarebbero potute essere conseguenza del tentativo di sorpasso e/o della perdita di controllo della vettura a seguito del contatto con il mezzo agricolo.
Come dimostra la tecnica di speronamento della polizia USA, urtando con una certa angolazione il retrotreno di una vettura, si innesca un "effetto pendolo" con perdita di controllo quasi sempre irreversibile. Ed i tentativi di riprendere il controllo dell'auto, spiegherebbero le 2 o 3 sbandate che riporti.

Poi, ribadisco, non c'ero non conosco nessuno degli interessati. Nella foto si vede la vettura dei vigili; spetta a loro questo ruolo di rilievo e perizia. "
in

Albarola, frontale tra due auto in curva sulla Valnure: due feriti

martedì, 13 maggio 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Mah, difficile giudicare dall'articolo e dalle foto, ma se fosse vero che prima della sbandata ci fosse stato "un urto con un trattore", verrebbe da ipotizzare che la 156 stesse tentando di sorpassare il trattore in prossimità della curva e, forse, vedendo sopraggiungere l'altra vettura (la 147) abbia tentato di "stringere" (per rientrare subito), urtando con la parte posteriore destra la ruota del trattore, finendo così in testacoda. Inevitabile, a quel punto, l'urto con la 147 che s'è trovata - appena dopo una curva cieca - una vettura "in derapata" che invadeva la sua corsia (in senso opposto).

Ciè detto, mi permetto una considerazione anche sulla base del commento di Claudia.
S'è vero che tutti dovremmo essere più disciplinati e corretti alla guida, in questa situazione verrebbe da dire che se (più spesso) i nostri amici agricoli "cul mùtur" (il trattore) quando trovano uno spiazzo accostassero e lasciassero passare la fila di vettura chè s'è formata dietro a loro, FORSE (e dico forse) molte situazioni del kaiser (sorpassi azzardati, frenate improvvise, etc, che talvolta finiscono in incidenti) come queste FORSE si eviterebbero.
Perchè se non di rado si vedono i suddetti veicoli accostare e lasciar passare le vetture, altrettanto spesso ciè non accade e si ha la netta impressione che chi è alla guida dei mezzi agricoli se ne sbatta altamente del fatto che una ventina di vetture stia procedendo ai 30km/h a causa loro, dimostrando una certa arroganza e prepotenza.
E dopo un pò finisce che a qualcuno "si chiude una vena", come si dice, e cerca di sorpassare anche dove non dovrebbe.
Spesso va bene, a volte finisce così. A volte finisce peggio.

NOTA: a "supporto" di quano detto sopra, preciso che prima della curva che si vede dalla foto, provenendo da Piacenza in direzione Ponte dell'Olio, c'è un incrocio (ingresso/uscita Albarola) molto largo sulla destra, dove il mezzo agricolo avrebbe potuto tranquillamente accostare. E circa 500m prima c'è un lungo spiazzo laterale (sempre sulla destra) che inizia appena dopo il cartello "Albarola" e prosegue fino a dopo la fermata dell'autobus (in tutto circa 200m). Di nuovo la stessa considerazione di cui sopra.
Poi io non so la dinamica: al più bello il trattore si era appena immesso dall'incrocio in uscita di Albarola, prima della curva dov'è avvenuto l'incidente. "
in

Albarola, frontale tra due auto in curva sulla Valnure: due feriti

lunedì, 12 maggio 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Ma il problema di fondo è che i soldi si potrebbero anche trovare, del resto se hanno 1 MILIARDO da spendere ogni anno per il "Mare Nostrum"... sai quante carceri ci fai.
Il fatto è che non c'è alcuna volontà politica, anzi da oltre un decennio hanno messo in essere un programma di propaganda a 360° per demonizzare lo strumento carcerario, definendolo inutile, inadeguato, controproducente, medioevale e via discorrendo. La "scusa" del sovraffollamento è solo il pretesto per fingere di agire a fin di bene, colti da "cristiana compassione". Ops, come dicono loro, per il rispetto dei diritti umani dei carcerati ahhahaha ...c'è da dire che a coniar termini sono esperti.
E quest'ultimo riferimento, la compassione cristiana, è l'atro CANCRO che affligge e tiene in ostaggio la politica italiana. Perchè dietro a questo lassismo e motore propagandistico non c'è di certo Pannella, ma il vaticano e tutto l'insieme politico-istituzionale ad esso aderente e da cui riceve ordini. Sono loro tra i principali promotori di questa campagna di "libera tutti"... come dimenticare pagine oscene dalla storia di questa finta repubblica, dove un papa entrava (in veste ufficiale) alla Camera dei Deputati e sibillinamente ordinava di promulgare l'indulto ai carcerati.
E questo schifo, seppur non così manifesto, si è ripetuto in altre occasioni, anche pochi mesi fa.

Posso essere d'accordo che non basta sbattere dietro una sbarra e sperare che chi ne esce poi sia automaticamente rinsavito e recuperato socialmente, ma nemmeno posso tollerare questa "messa da perdenti" di uno stato che viene meno ad uno dei suoi DOVERI verso i cittadini e preferisce fare la "scimmietta" che non vede, non sente e non parla, sbolognando in mezzo a noi ogni sorta di deviato mentale e sociale. "
in

Rottofreno, bloccati mentre rubano sulle auto in sosta: processati e subito liberati

giovedì, 24 aprile 9 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" E' l'ennesimo episodio ma, tutt'ora, SETA persevera in un immobilismo surreale.
Non ha saputo porre in essere semplici misure per evitare il ripetersi di questi furti con gravi danni ai mezzi ed alle emettitrici stesse. Ripeto e gradirei una risposta: perchè a fine turno le emettitrici non vengono svuotate (dal personale SETA) del denaro contenuto e quindi lo stesso riposto all'interno delle strutture dell'azienda, in apposite casseforti o cassette di sicurezza?
L'unica cosa che ci hanno raccontato, nei mesi scorsi, è che erano stati aumentati i controlli dei vigilantes ai depositi. Evidentemente questa misura, se ancora in essere, non basta.
Ma ribadisco, se quest'ultima ha un costo, la prima mi sembra talmente banale e teoricamente "a costo zero", che non capisco perchè non venga disposta obbligatoriamente a fine turno dall'azienda. Qual è il problema? Qualcuno ce lo spieghi.
Perchè le emettitrici danneggiate ed il denaro sottratto, sono costi che non ricadono solo su l'azienda di trasporti, ma si ripercuote in disservizi per gli utenti prima e sovraccosti domani. Quindi non è vero che a noi "non deve interessare". Interessa e come! "
in

Colpo nel deposito di Seta in via Arda: svuotate le emettitrici su 14 autobus

lunedì, 21 aprile 9 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Parassiti e Crapa, facevano meglio ad andare a mangiare una pizza in centro... Rendevano un maggior contributo all'umanità. E spendevano quei 20 euri cad., sostenendo un pò l'economia piacentina.
Di questi ritrovi di repressi ed evirati mentali, onestamente, ne faremmo volentieri a meno. Il verbo propagandato da questa gente insulsa, ci ha portato a questa società schizofrenica, avulsa dalla realtà, incaxxata con tutto e tutti, slegata da ogni valore, incapace di elaborare un proprio pensiero. Ripetono a paperella gesti e frasi che assorbono come spugne da media ed internet. Vestono e parlano per emulazione. Addirittura uccidono per emulazione (vedi la nuova moda di decapitare e fare a pezzi).

Degli eterni infanti, in un mondo - oggi - più che mai triviale e retrograde.
A tutto questo, coloro che hanno parlato a questo meeting, contrappongono lagne da predica del prete alla domenica mattina, cantilene da "bacia-banconi" e catechismo becero. Probabilmente, anzi certamente, a loro volta ripetendo i "dettami" inculcati a loro da questo sistema delirante, che in meno di 30 anni ha devastato diverse generazioni creando una mandria di inconsapevoli ed incapaci. "
in

«Il perdono è l'alternativa e la soluzione ai nostri conflitti di ogni giorno»

l'altro ieri, 20:58 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Delle due l'una: o si legalizza e regolamenta la prostituzione in Italia (anzi, gli troveranno un termine più "politicaly correct", come "persona di compagnia"), oppure si adotta il modello USA. E' reato prostituirsi (con denuncia, ammenda, reclusione e carcere; oggi in Italia si viene solo segnalati in questura, raramente multati; spesso restano in loco, neanche vengono allontanate/i), è reato pagare chi si prostutuisce per avere rapporti (in Italia si parla di favoreggiamento/induzione alla prostuzione, ma è solo una denuncia e/o multa) e ovviamente chi vi lucra e sfrutta (sfruttamento della prostuzione, etc). Tutte situazioni da "mano pesante", a partire da una forte vigilanza sul territorio, per riqualificare certe zone NON TOLLERANDO PIU' (ovvero allontanamento o arresto) la presenza a bordo strada - in luoghi di ogni tipo - delle gentil donzelle, in attesa dei clienti. "
in

Prostituzione, Foti e Pollastri: «Serve una vera azione di contrasto e meno spot»

sabato, 6 settembre 4 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Certo, a volte sono caustico in alcuni commenti ma (a parte il fatto che la redazione non di rado non me li pubblica o li censura) non credo in vita mia di aver mai augurato a qualcuno la morte; tantomeno in forma scritta.
Quello che volevo dire nel mio primo commento è che prima di scrivere "nero su bianco" certe frasi, io ci starei attendo. Come a "dare corda" a queste esternazioni scritte e detta "a pancia" (come ho già detto, sull'onda emotiva degli eventi), perchè si fa presto poi a trovarsi una denuncia per calunnia, minacce, istigazione o altra apologia di reato. Sarebbe grottesco vedere il legale del responsabile di questo gesto (se mai sarà individuato), presentar denuncia contro i padroni del cane e chi altro coinvolto in questa campagna (per ora in forma scritta) vendicativa.

Anche perchè, miei cari signori, se bisogna giustifìcare le vostre uscite vendicative e triviali, dall'altra diventa più difficile distinguersi dalla pochezza morale di chi ha compiuto questo gesto, il cui punto di vista è che la vita di un cane vale poco o niente e, sa dà disturbo, lo si può ammazzare a bastonate. Io non la penso assolutamente così e sono certo pure voi. Ma proprio per separare i pensieri riflessivi e razionali da quelli di menti meno sviluppate e ragionevoli, occorre essere poi coerenti. Solidarizzare è una cosa, dar sfogo a istinti repressi è un altro. E quando ci sono storie come questa, molta gente apparentemente pacata e riflessiva, si trasforma nella propria versione di "Mister hyde".
Vedasi storia del tassista di Roma e quei due giovani che l'hanno massacrato di botte.

Lo ribadisco: piena solidarietà ai padroni del cagnolino; massimo rispetto per le attività di indagine delle forse dell'ordine. E massimo biasimo e condanna per chi ha compiuto questo gente, ma anche per chi scade in commenti discutibili e chi li amplifìca mediaticamente. "
in

Cagnolina accecata con un colpo di mattone in testa. I proprietari: all'autore auguriamo lo stesso

giovedì, 14 agosto 12 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" E' fuori discussione che il responsabile di questo episodio vada moralmente e legalmente condannato.
Ma è altrettanto sconveniente, discutibile e NON condivisibile quando "augurato" (o per meglio dire dichiarato) dai proprietari del cane ferito.
E partitamente trovo sconveniente questo articolo e pubblicizzare l'aspetto "emozionale" (vendicativo) esternato dai padroni. Credo che sarebbe stato possibile condannare questo increscioso gesto e rimarcare la gravità di quanto accaduto, senza scadere in questi "estremismi", anche emotivi.

Ai padroni della piccola "Luna" va la mia solidarietà più sincera, da fiero possessore di un cagnolino (da 5 anni) ed un gatto (da 3).
Alle istituzioni va il mio rispettoso invito a trovare e punire il responsabile, una volta accertata l'eventuale colpa e dolo. Come dev'essere per qualsiasi reato. "
in

Cagnolina accecata con un colpo di mattone in testa. I proprietari: all'autore auguriamo lo stesso

martedì, 12 agosto 12 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Penso che a livello stradale sia migliorativo, mentre ritengo non lo sia per l'aspetto ciclo-pedonale, soprattutto visto la presenza di studenti.
Credo che per la sicurezza di tutti (ovviamente in primis studenti e genitori che attraversano) sia più sicuro il semaforo con "luce verde" per il transito pedoni, rispetto le sole strisce.
Ho sempre pensato che in presenza di scuole/istituti/etc sia più sicuro "rallentare" e alternare il transito auto/pedoni con un semaforo. Credo sia più sicuro rispetto alle rotonde, dove molti si concentrano principalmente nel dar la precedenza alle auto e non badano a pedoni e ciclisti (anche perchè spesso quest'ultimi si buttano senza guardare sulle strisce, senza tanti complimenti, soprattutto 'sti ragazzi con ipod, cellulari e cuffiette a go-go). "
in

Spento il semaforo in via IV Novembre per far spazio alla rotonda

lunedì, 11 agosto 2 commenti

Andrea

Andrea ha commentato:

" Attendiamo che le autorità ricostruiscano la dinamica esatta, ma le foto sembrano raccontarne una sostanzialmente diversa rispetto a quella descritta nell'articolo.
Se ci fate caso, il lato sinistro del muso della motrice presenta chiari segni di impatto. Questo dettaglio, avvalorerebbe l'ipotesi che la motrice si sia immessa mentre sopraggiungeva l'Audi, con quest'ultima che non avrebbe tamponato ma bensì impattato contro il muso (lato sx) della motrice. Ovvero, la motrice avrebbe tagliato la strada alla vettura che sopraggiungeva; forse complice il buio e la velocità dell'Audi, l'autista della motrice non avrebbe dato la precedenza, trovandosi in svolta in mezzo alla careggiata mentre transitava la vettura del Bramieri.
In ogni caso, è chiaro che si tratta di una fatalità; lasciamo a chi di competenza il compito di individuare eventuali responsabilità.

Esprimo le mie sincere condoglianze alla famiglia Bramieri. "
in

Violentissimo scontro nella notte tra un'auto e un tir a San Nicolò: muore un 50enne

sabato, 2 agosto 3 commenti