Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da eroi a eroi, i vigili del fuoco davanti agli ospedali di tutta la provincia: «Uniti nella battaglia»

 

Un minuto di silenzio, un applauso e la consegna di un piccolo quadro con un'immagine che vale sicuramente più delle parole. Alle 12.30 del 3 aprile i vigili del fuoco di Piacenza e contemporaneamente quelli di tutti e tre i distaccamenti di Fiorenzuola, Bobbio e Castelsangiovanni, si sono presentati davanti ai rispettivi ospedali per ringraziare quanto stanno facendo medici, infermieri, operatori sanitari, autisti per combattere la battaglia del Covid-19. Un omaggio da eroi a eroi. La collaborazione e la sinergia che si creano negli anni di lavoro tra il personale sanitario, specialmente quello del 118 dell'emergenza e urgenza, e i vigili del fuoco è stretto, si lavora fianco a fianco in condizioni pericolose, estreme e molto spesso si ha poco tempo per agire e per fare il possibile, senza uno non può agire l'altro e ci devono essere fiducia e stima, entrambe quindi sono state ricordate e riaffermate oggi con forza perché su fronti diversi e con competenze differenti sono tutti destinati a salvare la vita: «Vogliamo ringraziarvi e rendere onore ai vostri caduti».

Tutti si stanno prodigando per fare il possibile per sconfiggere un nemico invisibile che per essere battuto ha bisogno di vvf ospedale castelsangiovanni-2competenza, professionalità, unione e fiducia tra tutti coloro che sono in trincea, tanto che in queste settimane anche il comandante provinciale Danilo Pilotti e altri vigili del fuoco piacentini stanno combattendo la loro battaglia contro il virus. I vigili del fuoco hanno consegnato un quadro che raffigura pompieri e sanitari che insieme, sulle macerie, issano la bandiera italiana, sotto questo pensiero: Questo 2020 entrerà nella storia e verrà rircordato come l'anno buio della pandemia Covid-19, mentre tutti voi medici, infermieri, volontari, operatori socio sanitari, barellieri, e tutte le persone che garantiscono il funzionamento del sistema sanitario piacentino sarete ricordati come la luce in fondo a questo tunnel, ma soprattutto avrete sempre un posticino in fondo al nostro cuore, perché grazie al vostro coraggio, alla vostra dedizione e alla caparbietà che vi contraddistingue, noi tutti potremo guardare il futuro con occhi diversi. Un immenso abbraccio, con profonda stima e riconoscenza. Il quadro richiama la celeberrima foto scattata dal fotografo Joe Rosenthal (Associated Press) il 23 febbraio 1945 sul monte Suribachi dell’isola di Iwo Jima, in Giappone: ritrae soldati statunitensi che issano la bandiera americana. Quello scatto vinse un premio Pulitzer e divenne una delle più famose della seconda Guerra mondiale, forse addirittura di tutto il Ventesimo secolo.

vvv corona virus omaggio-2A Bobbio con i vigili del fuoco c'erano anche gli agenti della Polizia Locale e la Croce Rossa. L'agente Manuel Martini ha consegnato al personale sanitario una pergamena con incisa la definizione di eroe: L'eroe nell'era moderna è colui che, di propria iniziativa, e libero da qualsiasi vincolo, compie uno straordinario e generoso atto di coraggio, che comporti e possa comportare il consapevole sacrificio di se stesso, allo scopo di proteggere il bene altrui e comune. L'eroe non è null'altro che un normale essere umano che fa la migliore delle cose nella peggiore delle circostanza. Grazie a tutti voi, eroi dell'era moderna! (A stampare gratuitamente le pergamene il giornale della Cattedrale La Trebbia).

I VIGILI DEL FUOCO E IL CORONAVIRUS - I pompieri sono impegnati anch'essi in prima linea e senza vigili del fuoco fiorenzuola-2sosta nella battaglia contro il Coronavirus anche con una squadra Nbcr (nucleare, biologico, chimico e radiologico) in servizio h24 al comando provinciale di strada Valnure che va ad intervenire in situazioni di casi sospetti Covid affiancando anche i sanitari del 118 nell'accesso alle abitazioni e anche in incidenti stradali o in tutte le situazioni che richiedono la massima protezione. Procedono alla decontaminazione di mezzi e protezioni e di tutto il materiale utilizzato garantendo sempre la massima sicurezza ed efficacia non facendo mai mancare aiuto e supporto nella filiera del soccorso che ha il solo scopo di fermare il contagio anche tra il personale operante in quel determinato momento. Non solo, i vigili del fuoco con questa specializzazione, che si è sempre rivelata fondamentale in molteplici e complessi scenari, da giorni stanno formando coloro che si occupano della decontaminazione di mezzi e personale alla fine ogni servizio Covid al centro ad hoc allestito dietro la centrale del 118. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento