4 novembre: Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

Preseti autorità ed esponenti istituzionali, oltre agli alunni delle scuole medie ed elementari con i relativi docenti. Il sindaco Federico Beccia ha deposto la corona al monumento dei caduti durante la cerimonia di celebrazione

Un momento della mattinata

Nella mattinata del 4 novembre a Ottone si è celebrata la “ Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”; alla presenza del vicesindaco M.Lucia Girometta, del Comandante della stazione dei Carabinieri, di diversi consiglieri comunali e degli alunni delle scuole medie ed elementari con i relativi docenti, il sindaco Federico Beccia, ha deposto la corona al monumento dei caduti durante la cerimonia di celebrazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco ha esordito precisando che «il 4 novembre è un giorno importante per la storia d’Italia: si celebra in questa data l’armistizio che nel 1918 pose fine alla guerra tra l’Italia e l’Austria – Ungheria, celebrazione che ha un valore altissimo e per esaltare il valore della pace e il sacrificio di tutti coloro che hanno dato la vita per la Pace. E’ dovere di tutti noi trasmettere alle nuove generazioni i valori di Libertà e Democrazia. Questa ricorrenza richiama alla memoria avvenimenti il cui significato rimane attuale e valori universali che le nostre forze armate continuano a difendere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento