rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Divieto d'asporto dalle 18, Confesercenti Piacenza: «Intervento gravemente iniquo»

Secondo l'associazione di categoria si tratta di un provvedimento discriminatorio. «Le imprese sono ormai all'esasperazione»

«Il divieto d’asporto è un intervento gravemente iniquo. Oltre alle imprese di somministrazione senza cucina – bar, caffetterie e simili – colpisce infatti anche i negozi specializzati in bevande, come le enoteche, dove non è prevista alcuna consumazione sul posto. Un divieto quasi da proibizionismo, se non fosse che è limitato solo a pubblici esercizi e negozi specializzati: minimarket e grande distribuzione potranno infatti continuare tranquillamente a vendere bevande, anche alcoliche». Così Confesercenti Piacenza commenta con una nota il nuovo Dpcm, in vigore a partire da domani, sabato 16 gennaio.

«Si tratta di una stortura da correggere immediatamente, perché rende ancora più odioso un divieto che è già di difficile comprensione. Si colpisce l’asporto per colpire gli assembramenti, che comunque continueranno anche con i bar e le enoteche chiuse per decreto. A questo si aggiunge l’incertezza che, come al solito, accompagna e precede i procedimenti restrittivi. Le imprese sono ormai all'esasperazione: è inaccettabile che non sappiano ancora se e in che modi potranno svolgere la propria attività, hanno bisogno di chiarezza per programmare l’attività. Bisogna cambiare metodo, così non funziona».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Divieto d'asporto dalle 18, Confesercenti Piacenza: «Intervento gravemente iniquo»

IlPiacenza è in caricamento