A Ferriere il tradizionale concerto nel ricordo di Gino Delforno, in versione cabaret-lirico di eccelsa qualità

Nella chiesa parrocchiale di san Giovanni Battista, si è svolto il tradizionale concerto lirico-vocale d’estate in memoria del tenore Gino Delforno

Nella chiesa parrocchiale di san Giovanni Battista, si è svolto il tradizionale concerto lirico-vocale d’estate in memoria del tenore Gino Delforno, piacentino e fedelissimo del capoluogo dell’alta val Nure dove, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 2009, ha organizzato e interpretato tante edizioni di questo appuntamento musicale. L’evento è stato, promosso e organizzato, anche nel ricordo del defunto marito Ernesto Badovini, dalla signora Lucia De Micheli e da Giuliana Biagiotti, presidente degli “Amici delle Lirica”, che prosegue la collaborazione prestata al “Concerto” dal marito Sergio Buonocore, deceduto nell’agosto 2016. Sostegno alla manifestazione anche da: Comune, Pro Loco, famiglia Amici-Delforno e Arco Gas. 

I brani musicali eseguiti dagli interpreti - i cantanti lirici Claudio Mattioli basso, baritono, pianista, fisarmonicista e compositore e da Massimiliano Barbolini tenore, già allievo di Pavarotti, con una lunga carriera operistica alle spalle - hanno accomunato in convinti applausi i musicofili ortodossi e anche gli spettatori occasionalmente interessati alla lirica. Il concerto è stato infatti, caratterizzato da una connotazione meno aulica di quella della lirica classica, con dialoghi sul filo dell’ironia e alcuni passaggi da cabaret lirico di eccelsa qualità. 

Il programma si è sviluppato su una parte lirica (Amor ti vieta da Fedora, Vesti la giubba da I Pagliacci e il lamento di Federico da l’Arlesiana, per ciò che riguarda il tenore; mentre Mattioli “suonandosela con la fisarmonica e cantandosela” ha interpretato i due Figaro ovvero Largo al factotum, Non più andrai farfallone amoroso di Mozart e La Calunnia. 

Oltre alla parte lirica anche con l’intermezzo della Cavalleria rusticana, le canzoni Caruso e Mattinata e alla fine brani religiosi tratti in prevalenza da musical composti dallo stesso Mattioli.

 A esaudire la richiesta finale di bis lo splendido brano “Miserere” con richiami all’interpretazione di Pavaraotti e dell’autore (Zucchero, 1992):

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 «Miserere misero me / però brindo alla vita». Eh sì, cari amici: «Che mistero è la mia vita / ma che mistero» questa vita melodrammatica, tragica e buffa, che porta il riso e il pianto, il fragore e il sospiro, la luce e la notte – recitata su un palcoscenico, proprio come a teatro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Bonus Covid da 600 euro ai parlamentari, la Lega sospende il deputato piacentino Elena Murelli

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

  • Precipita dal balcone di casa nella notte, grave 30enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento