rotate-mobile
Fino al 7 aprile

A Palazzo Farnese il racconto dei fasti di Elisabetta: sabato 2 dicembre apre l’esposizione

Il ritorno a Piacenza dei sei dipinti del ciclo pittorico, concessi in prestito dalla Reggia di Caserta e dal Municipio di Parma. Mostra al via tra arte, videoproiezioni e aule immersive

A Palazzo Farnese il racconto dei fasti di Elisabetta. Apre sabato 2 dicembre la mostra “I Fasti di Elisabetta Farnese. Ritratto di una Regina”, patrocinata dal Ministero della Cultura, dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Parma, organizzata dai Musei Civici di Palazzo Farnese di Piacenza con il supporto del Comune di Piacenza e in collaborazione con la casa editrice Electa.

Questa mattina l'anteprima per la stampa, presentata dagli storici dell’arte Antonella Gigli e Antonio Iommelli - ideatori e curatatori dell'esposizione - e dall'assessore alla cultura del comune di Piacenza, Christian Fiazza

Fulcro della mostra il nucleo di tele, oggi noto con il nome di “Fasti di Elisabetta”, eseguito nella prima metà del Settecento dal pittore di corte Ilario Mercanti detto lo Spolverini (Parma 1657 - Piacenza 1734).

                                  pres.Mostra I Fasti Farnesiani_192

Per la prima volta, dopo quasi trecento anni dalla loro migrazione a Napoli - città dove Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese e di Filippo V di Spagna, trasferì i Fasti e gran parte dei tesori artistici appartenuti ai Farnese - sei dipinti, già parte del ciclo, saranno esposti a Piacenza, concessi straordinariamente in prestito per quattro mesi dalla Reggia di Caserta e dal Municipio di Parma.

                                   pres.Mostra I Fasti Farnesiani_182

«Sei importanti prestiti, dunque, che in aggiunta ad altre venti opere - si sottolinea - molte delle quali provenienti da collezioni pubbliche e private, consentiranno al pubblico di ammirare insieme, per la prima volta, i Fasti di Caserta e di Parma, riuniti per tale occasione a quelli già presenti a Piacenza dal 1928. Un ambizioso progetto che permetterà inoltre di far comprendere la grandezza e la cultura straordinarie di una donna singolare come Elisabetta (Parma 1692 - Madrid 1766), la cui ambizione e intelligenza furono largamente note e apprezzate da tutti i suoi contemporanei, in particolare dal re Filippo V, suo consorte dal 1714.  In aggiunta a una serie di ritratti, a un disegno e ad alcune incisioni, viene esposto il Ragguaglio delle nozze della Maestà di Filippo Quinto e di Elisabetta Farnese, un resoconto dettagliatissimo, dato alle stampe nel 1717, che illustra e descrive il matrimonio per procura tra Elisabetta e Filippo V, nonché i festeggiamenti a loro tributati dalla corte e il viaggio dell’ultima discendente della famiglia Farnese dal piccolo ducato di Parma e Piacenza al grande Regno di Spagna. L’esposizione è accompagnata da videoproiezioni, aule immersive e ologrammi che, attraverso la ricostruzione di narrative, luoghi e ambienti, aiuteranno i visitatori a vivere in prima persona i Fasti di Elisabetta».

La mostra, allestita nella cappella Ducale di palazzo Farnese, prosegue fino al 7 aprile 2024. Orari: dal martedì al venerdì 10:00-13:00 e 15:00-18:00, sabato e domenica 10:00-18:00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Palazzo Farnese il racconto dei fasti di Elisabetta: sabato 2 dicembre apre l’esposizione

IlPiacenza è in caricamento