menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Palazzo vescovile giornata di studi dedicata allo scultore Jan Geernaert

Venerdì alla Sala degli affreschi di Palazzo vescovile, giornata di studi dedicata allo scultore fiammingo Jan Geernaert (1704-1777) con approfondimento sulle sue presenze artistiche tra Piacenza e Pontremoli. L’inizio lavori è alle 9,30 con l’introduzione di Mons. Gianni Ambrosio, vescovo di Piacenza-Bobbio, di Don Valerio Pennasso, direttore Ufficio Nazionale Beni culturali ecclesiastici e Giovanna Paolozzi Strozzi, Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio di Parma e Piacenza. Nella prima sessione, presieduta da Manuel Ferrari, direttore Ufficio Beni Culturali ecclesiastici Diocesi di Piacenza-Bobbio, sono previsti gli interventi di Anna Còccioli Mastroviti, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio di Parma e Piacenza sul tema “Appunti e riflessioni sulla circolazione di idee, modelli, quadraturisti e committenti fra Piacenza e Pontremoli”, di Susanna Pighi, Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici Diocesi Piacenza-Bobbio “Jan Geernaert a Piacenza e in diocesi” e di Barbara Sisti, Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici Diocesi Massa Carrara-Pontremoli“Jan Geernaert a Pontremoli, tra scultura lignea e statue vestite”.

Dopo la pausa pranzo (ore 13 buffet), i lavori riprendono alle 14,30 con la II Sessione Presiede e coordina: Don Luca Franceschini, direttore Ufficio Beni Culturali ecclesiastici Diocesi di Massa Carrara-Pontremoli:

Irene Aliatis, Ufficio Cultura del Comune di Guastalla “Studio degli strati pittorici di alcune sculture del Geernaert”, Nicola Macchioni, CNR – Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree “Identificazione – aspetti formali e tecnologici – lavorazione della specie legnosa utilizzata nella statuaria di Geernaert” e Dimitrios Kazantjis, Restauratore Diocesi Massa Carrara-Pontremoli Geernaert “Analisi tecnico-costruttiva e indagini TAC su un gruppo di statue lignee a confronto tra Pontremoli e Piacenza. Guida per una corretta attribuzione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento