«A Piacenza scarsa consapevolezza sull'utilizzo di guinzaglio e museruola quando i cani sono in strada»

Lo segnalano le Guardie Zoofile di Enpa Piacenza: «Prendersi cura del proprio quattro zampe non è solo un obbligo sancito dalla Legge, ma anche un dovere civico»

Foto di repertorio

«Anche nella nostra provincia si sottovaluta l’importanza dell’uso corretto del guinzaglio: insieme alla e museruola infatti sono visti, dagli stessi padroni ,come mezzo di costrizione e non di salvaguardia nei confronti del proprio animale, nonché di vessazione nei confronti della loro  natura etologica». Lo segnala la caponucleo della Guardie Zoofile di Enpa Piacenza, Michela Bravaccini.

Michela Bravaccini Enpa-2«Prendersi cura del proprio quattro zampe – spiega - non è solo un obbligo sancito dalla Legge, ma anche un dovere civico dettato dalla nostra società e percepito nella misura in cui noi educhiamo l’animale stesso, facendolo recepire dal mondo esterno. Più saremo bravi a far rispettare le regole, più positiva sarà la sua esperienza nel mondo circostante. Ricordiamoci infatti, che siamo noi ad agire per lui e che le spese delle nostre erronee valutazioni ricadono anche su di lui». «Pensiamo a tutti quei proprietari che non utilizzando il guinzaglio – prosegue Bravaccini -, lasciando il proprio animale libero, a vagare non controllato. Non solo espongono lo stesso a pericoli quali l’investimento o la morsicatura di altri animali, ma espongono anche terze persone a pericoli quali incidenti o semplicemente incontri non desiderati con animali dei quali hanno timore o nel peggiore dei casi a morsicature o cadute. Ricordiamo peraltro che la Legge non è discrezionale e chiunque possegga un animale è tenuto ad essere informato e a rispettare le regole per una serena convivenza».

Fenomeni riscontrati nel corso delle ronde nei parchi cittadini dalle guardie zoofile: «Troppo spesso capita di incontrare persone sprovviste di guinzaglio o anche semplicemente di mezzi idonei per asportare le deiezioni. I cittadini ripresi cercano di avanzare scuse ma come sempre alla fine per i comportamenti scorretti di pochi pagano sempre gli animali». Comportamenti che sono regolamentati dalle normative, ad esempio che «la museruola deve essere tenuta in tasca e pronta all’uso in caso di necessità è specificatamente citato all’ articolo uno dell’Ordinanza del Ministero della Salute del 6 agosto 2013». Conclude Bravaccini: «Piccoli semplici accorgimenti di prevenzione, insomma, che non sono velleitari ma che possono essere usati in modo corretto per non incorrere in spiacevoli e molto prevedibili incidenti che possono costare cari a noi e alla vita dei nostri piccoli amici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Frontale sul rettilineo a Rottofreno, non ce l'ha fatta la 49enne finita fuori strada

  • Dopo il frontale finisce fuori strada: due donne ferite, una è gravissima

  • Le valli piacentine si svegliano imbiancate

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento