A Podenzano più telecamere e plastica eliminata nelle scuole, in attesa della caserma

Il sindaco Piva: «Illumineremo le piste ciclabili. Attendiamo il completamento dei lavori (rallentati dalla pandemia) alla caserma e alla scuola di San Polo. I fondi Covid destinati a welfare e Tari». E sulla tangenziale San Polo-San Giorgio il giudizio è positivo

Sono stati mesi intensi, gli ultimi, per il Comune di Podenzano. L’ente, guidato dal sindaco Alessandro Piva, ha dedicato molta attenzione al welfare nella fase post lockdown. I fondi Covid arrivati dal Governo nel comune più popoloso della Valnure, 560mila euro, sono andati a dare una mano soprattutto a famiglie e attività economiche. «Abbiamo utilizzato una grossa parte – puntualizza il sindaco Piva - per coprire il 50% della quota variabile della Tari. Sei mesi del 2020 sono stati così scontati alle attività del territorio. È stato deciso di comprare sanificatori per le scuole e le associazioni sportive del territorio». I centri estivi hanno dato una grossa mano alle famiglie nel Alessandro Piva-7periodo estivo. «Con 70mila euro sono stati coperti tutti i costi aggiuntivi del 2020 per la frequentazione dei centri. Tutte le famiglie podenzanesi hanno potuto usufruire dei bonus erogati ai gestori, così i genitori hanno pagato le stesse cifre del 2019 per i figli». Piva evidenzia come sia funzionato anche il centro estivo per i bimbi dai 9 ai 36 mesi (qua contributo comunale da 20mila euro). «A settembre è ripartito l’asilo nido. Anche in questo caso ci siamo impegnati per impedire l’aumento dei costi per le famiglie. Stessa aiuto è stato dato alle scuole paritarie rimaste chiuse (18mila). In più, altri fondi (30mila euro) per i servizi sociali. «Il conto corrente per le donazioni dedicato alle famiglie ha raccolto 19mila euro».

In queste ultime settimane nel capoluogo si è dedicata molta attenzione alla cura dell’arredo urbano. «Sono stati rifatti i parchi gioco, con qualche aggiunta. Abbiamo anche incrementato la videosorveglianza, con telecamere nella piazza “nuova” di Podenzano, davanti al palazzo della cultura. Sono in corso l’acquisto di altre telecamere per la piazza di San Polo e il parco urbano di Podenzano, più quelle per la lettura targa in luoghi che preferiamo non divulgare».

Con i volontari della protezione civile sono in corso le pulizie dei canali di scolo, per evitare allagamenti durante le piogge invernali. Entro la primavera partiranno anche i lavori della pista ciclabile che da Gariga dovrebbe concludersi a Villò di Vigolzone. Il progetto dell’Unione Valnure e Valchero è molto atteso. «Aggiungeremo inoltre l’illuminazione pubblica su tutte le piste ciclabili già presenti. È previsto dal nuovo contratto per l’illuminazione pubblica del Comune, ora in appalto alla Siram dallo scorso 6 ottobre». Contemporaneamente al discorso ciclabili verrà sistemata la strada del cimitero del capoluogo. Il rifacimento del campo sportivo San Germano è invece rinviato al prossimo anno.

Ora si può tracciare già un bilancio del completamente della tangenziale che da San Polo porta fino a Carpaneto passando per San Giorgio, inaugurata un mese fa. «Ora che la tangenziale è completa – precisa Piva - il flusso di veicoli che passa dentro San Polo è ancora diminuito. Dal punto di vista della vivibilità e della viabilità a San Polo la situazione è sicuramente migliorata. Purtroppo qualche stupido attraversa il paese - ora più sgombro di auto - a velocità assurde, per questo abbiamo installato un autovelox e stiamo riflettendo se fare attraversamenti pedonali più sicuri per ridurre la velocità di queste auto, dato che la strada è diventata comunale. Qualcuno è già stato sanzionato». «Qualche attività commerciale – torna sull’argomento il sindaco - ha lamentato un calo, un po’ per il Covid, un po’ per il mancato passaggio di auto. Stiamo cercando insieme ai commercianti di San Polo un modo per incentivare le persone a frequentare il paese. Come, ad esempio, l’installazione di totem all’ingresso delle rotonde del paese per indicare dove sono i negozi». Rimane comunque positivo il giudizio sull’opera. «La tangenziale ci voleva, era attesa da molti anni, è apprezzata dalla stragrande maggioranza dei cittadini. Poi qualche commento negativo c’è sempre, c’erano vent’anni fa, ci sono ancora oggi. Le polemiche non finiranno mai su questa strada».

Due grandi opere sono state rallentate dalla pandemia. “Stiamo parlando - aggiunge Piva - dell’ampliamento della scuola di San Polo con la nuova sala mensa e della caserma dei carabinieri. Entro fine anno sarà finito il primo stralcio della scuola e appaltato il secondo. Speriamo che a Pasqua sia tutto terminato, per avere luoghi più sicuri anche in ottica Covid». Per quanto riguarda la caserma dei carabinieri si sta finendo il secondo stralcio, manca ancora un po’ di lavoro. L’impresa ha avuto qualche problema nello svolgimento del cantiere, ci sta mettendo più tempo. Speriamo che entro il 2020 sia terminato il secondo stralcio per poi inaugurarla il prima possibile». Il sindaco fa sapere che le disposizioni sul Covid-19 nelle mense scolastiche non hanno invece interrotto o creato ostacoli all’obiettivo di rendere completamente plastic-free le mense scolastiche di Podenzano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento